Percorso:ANSA > Legalità > Ora d'Aria > Mafia: Grasso, Falcone e Borsellino vollero "maxi" a Palermo

Mafia: Grasso, Falcone e Borsellino vollero "maxi" a Palermo

Si costruì aula bunker collegata all'Ucciardone in 6 mesi

25 maggio, 14:32
(ANSA) - ROMA, 25 MAG - "Il maxiprocesso fu voluto a Palermo da Falcone e Borsellino. Loro imposero al ministero che si facesse in Sicilia perché era una storia siciliana. E si stabilì di costruire l'aula bunker collegata all'Ucciardone. Io ero addetto all'organizzazione e gli operai la costruirono in 6 mesi lavorando dalla mattina alla sera: si apriva alle 7 e chiudeva alle 22. C'era un registro che veniva allegato al verbale d'udienza in cui si annotava tutto anche chi entrava e usciva.

Rimanemmo in camera di consiglio 35 giorni insieme ai giudici popolari". A ricordare quell'evento che fu il maxiprocesso a Cosa Nostra è il presidente del Senato Pietro Grasso, magistrato all'epoca dei fatti, intervenendo alla trasmissione "Quante storie" di Corrado Augias per presentare il suo libro sulla mafia: "Storie di sangue, amici e fantasmi".(ANSA).

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA