Percorso:ANSA > Legalità > Musica, film e libri > Polemica tra Pif e lo storico sulla mafia nel '43

Polemica tra Pif e lo storico sulla mafia nel '43

Tra il regista e Mangiameli scontro garbato ma serrato

21 novembre, 13:56

(ANSA) - PALERMO, 21 NOV - Tra il regista Pif, Pierfrancesco Diliberto, e lo storico siciliano Rosario Mangiameli si sta sviluppando una polemica garbata ma serrata che è cominciata sulle pagine del quotidiano La Sicilia, è proseguita con uno scambio di videolettere pubblicato sul sito dello stesso quotidiano e infine è approdata su Facebook. Al centro del confronto è l'ultimo film di Pif, "In guerra per amore", nel quale il regista affronta un tema controverso: il presunto appoggio della mafia agli eserciti alleati in occasione dello sbarco in Sicilia nel 1943. La tesi è stata definita da Mangiameli, che sugli eventi del 1943 ha pubblicato importanti studi e ricerche, una "banalizzazione". Mangiameli si richiama ai documenti degli archivi inglesi e americani, corregge quella che chiama una "narrazione cinematografica e popolare" e giudica insignificante un impegno della mafia in un'operazione militare di grandi dimensioni. "Per lo sbarco in Sicilia - dice tra l'altro lo storico - venne schierata una flotta più grande di quella che organizzò lo sbarco in Normandia. Non c'era quindi bisogno delle coppole". Pif, nella sua videolettera, difende la sua tesi e sostiene che trova riscontro nelle posizioni di altri storici e nel rapporto Scotten, dal nome dell'ufficiale americano W.E. Scotten al quale fu chiesta una relazione sul tema 'Il problema della mafia in Sicilia'. (ANSA).

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA