Percorso:ANSA > Legalità > Educare alla Legalità > Nel Napoletano studenti anti violenza

Nel Napoletano studenti anti violenza

Vicino Mugnano dove padre ha pubblicato foto figlio pestato

20 marzo, 18:42

- NAPOLI - "Il bullo per essere tale ha bisogno del consenso. Se ai ragazzi insegniamo che non bisogna assecondare tale fenomeno, il bullismo viene di fatto arginato". A dirlo è Giuseppe Pezza, preside dell'istituto tecnico "Galvani" di Giugliano (che si trova a pochi chilometri da Mugnano dove venerdì sera un 13enne è stato picchiato per strada da tre suoi coetanei) che da oltre un anno ha avviato un singolare progetto nella sua scuola e che sta andando avanti con discreto successo. Due-tre alunni per classe sono stati appositamente formati ad aiutare non solo le potenziali vittime di atti di bullismo ma anche gli stessi bulli. I ragazzi hanno seguito un vero e proprio seminario di formazione che ha visto in cattedra esperti e psicologi. Anche perché, fanno capire dalla scuola, bisogna valutare caso per caso, comprendere con attenzione se si tratta realmente di un fatto di bullismo o di altro. "Il bullo agisce - dice il preside Pezza - quando ha il consenso del gruppo. E se ai ragazzi spieghiamo che bisogna sempre dire no alla violenza e alla sopraffazione il bullo finisce per non non avere consenso non ha più il motivo per comportarsi in questo modo". E sono proprio i ragazzi scelti e formati nelle varie classi, che tengono un colloquio costante con i loro docenti, a illustrare di continuo ai loro compagni questa strategia. "In questo modo - prosegue il dirigente scolastico - attuiamo un'opera di prevenzione costante che sta dando dei risultati soddisfacenti"

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA