Percorso:ANSA > Legalità > Educare alla Legalità > Legalità:Profiti,Falcone e Borsellino fatto qualcosa per noi

Legalità:Profiti,Falcone e Borsellino fatto qualcosa per noi

Presidente Anm Trentino presenta la mostra dell'ANSA a Rovereto

21 novembre, 18:46

(ANSA) - ROVERETO (TRENTO), 21 NOV - "Falcone, Borsellino e altri magistrati, così come uomini delle forze dell'ordine, hanno fatto qualcosa per noi. Non sono solo palermitani. E non sono solo siciliani. Nemmeno solo per gli italiani. Sono emozionato nel parlarvi di loro, delle loro vite, perché sono state una testimonianza concreta di impegno". Così il presidente dell'Anm del Trentino, Pasquale Profiti, ha introdotto nel pomeriggio a Rovereto, all'istituto scolastico Don Milani, visitabile fino al 23 novembre, la mostra 'L'Eredità di Falcone e Borsellino', realizzata dall'ANSA.
Ha raccontato l'amicizia tra i due magistrati, Giovanni Falcone e Paolo Borsellino, la nascita del pool antimafia dalla volontà di Rocco Chinnici, capo dell'ufficio istruzione penale del Tribunale di Palermo, il suo rafforzamento con l'avvicendamento di Antonio Caponnetto, la preparazione del maxiprocesso, poi lo scioglimento del pool, fino al primo attentato, la strage di Capaci del 23 maggio 1992, e al secondo, quello di via D'Amelio, il 19 luglio dello stesso anno.
E' stato lo stesso Profiti che ha preparato i ragazzi della Don Milani alla mostra, "con interventi nelle classi che da anni compiamo per raccontare ai giovani il lavoro di Falcone, di Borsellino e di altri magistrati, e che questa mostra ci aiuta a spiegare". "I nostri studenti - ha sottolineato la dirigente scolastica, Daniela Simoncelli - in quegli anni non erano ancora nati e per questo è importante raccontare loro cosa accadde".
Una valenza evidenziata anche dalla dirigente del dipartimento della conoscenza della Provincia autonoma di Trento, Livia Ferrario, e dalla vicesindaca di Rovereto, Cristina Azzolini.

(ANSA).

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA