Percorso:ANSA > Legalità > Veneto > Veneto, insediato Osservatorio contrasto criminalità e mafia

Veneto, insediato Osservatorio contrasto criminalità e mafia

Opererà anche per raccolta dati su capacità infiltrazione

19 maggio, 17:40
(ANSA) - VENEZIA, 19 MAG - Si è ufficialmente insediato, presso il Consiglio regionale del Veneto, l''Osservatorio per il contrasto alla criminalità organizzata e mafiosa e la promozione della trasparenza', ai sensi dell'articolo 15 della Legge regionale 28 dicembre 2012, n. 48, 'Misure per l'attuazione coordinata delle politiche regionali a favore della prevenzione del crimine organizzato e mafioso, della corruzione nonché per la promozione della cultura della legalità e della cittadinanza responsabile'.

L'Osservatorio è chiamato a svolgere le seguenti funzioni: raccogliere ed analizzare la documentazione sulla presenza della criminalità organizzata e mafiosa italiana e internazionale nel territorio regionale e sulle iniziative pubbliche e private intraprese per contrastarla; proporre al Consiglio regionale azioni idonee a rafforzare gli interventi di prevenzione e contrasto, con particolare attenzione alle misure per la trasparenza nell'azione amministrativa; predisporre una relazione annuale sulla propria attività; proporre al Consiglio regionale interventi volti a favorire la conoscibilità, anche attraverso la rete Internet, dei presidi di trasparenza e legalità adottati nei settori economici e amministrativi ritenuti particolarmente esposti alle infiltrazioni criminali.

In particolare, l'Osservatorio svolge una importante attività di impulso per la completa attuazione della normativa regionale sopra menzionata, in quanto è chiamato a raccogliere, elaborare e trasmettere al Consiglio regionale i dati relativi ai fenomeni d'infiltrazione criminosa in Veneto, al fine di consentire al Consiglio stesso di svolgere la propria attività d'indirizzo alla Giunta rispetto agli interventi necessari a contrastare la criminalità organizzata e mafiosa, indicati dalla L.R. n.

48/2012.

Il Consiglio regionale, con propria Deliberazione n. 9 del 14 febbraio 2017, ha nominato cinque componenti dell'Osservatorio: Giovanni Fabris, Pierluigi Granata, Silvio Montonati, Vincenzo Guidotto e Francesco Giovannucci, tutti con carica onorifica e in servizio per l'intera legislatura, di riconosciuta esperienza nel campo del contrasto al crimine organizzato e della promozione di legalità e trasparenza, in grado di assicurare indipendenza di giudizio e di azione. Giovannucci ha già rassegnato le dimissioni dall'incarico, a causa di sopraggiunti inderogabili impegni. L'Ufficio di Presidenza del Consiglio regionale ha già predisposto l'avviso pubblico al fine di individuare quanto prima la quinta personalità di cui si compone per legge l'Osservatorio che, comunque, è già operativo per contrastare la criminalità organizzata e mafiosa, radicata nel territorio veneto.(ANSA).

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA