Percorso:ANSA > Legalità > Piemonte > 'Ndrangheta: 'Alto Piemonte', chieste condanne per 112 anni

'Ndrangheta: 'Alto Piemonte', chieste condanne per 112 anni

Per 15 dei 23 imputati processo su infiltrazioni nel torinese

26 maggio, 17:47
(ANSA) - TORINO, 26 MAG - Centododici anni di carcere: è il totale delle pene richieste, in Tribunale a Torino, dai pm Paolo Toso e Monica Abbatecola, per 15 dei 23 imputati nel processo 'Alto Piemonte', sulle infiltrazioni della 'Ndrangheta nel torinese.

La pena più alta, 17 anni, 1 mese e 16 giorni di carcere, è chiesta per Diego Raso, esponente della locale di Santhià. Tra gli imputati compaiono Saverio Dominello e suo figlio Rocco, capo ultrà della Juve, accusati di associazione mafiosa e tentato omicidio, per i quali la Procura ha chiesto rispettivamente 12 e 8 anni di reclusione.

Alla sbarra, con l'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa, anche il tifoso bianconero Fabio Germani: per lui la pena richiesta è di 5 anni di carcere. Un filone dell'inchiesta, infatti, riguarda il tentativo della criminalità organizzata calabrese di 'infilarsi' nella curva bianconera, tramite il bagarinaggio dei biglietti delle partite della Juventus. Per uno degli imputati, i pm hanno chiesto l'assoluzione. (ANSA).

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA