Percorso:ANSA > Legalità > Campania > Mafia: Roberti, strategia migliore è l'aggressione dei beni

Mafia: Roberti, strategia migliore è l'aggressione dei beni

Procuratore, ma occorre efficace gestione di quelli confiscati

11 novembre, 18:06

(ANSA) - CATANIA, 11 NOV - "La strategia contro la mafia più efficiente è sempre quella dell'aggressione patrimoniale, che deve essere però anche completata con una efficace gestione e destinazione dei beni strappati alla criminalità. Bisogna quindi far funzionare bene tutto il sistema di sequestro, confisca e destinazione dei beni". Lo ha detto il Procuratore nazionale antimafia Franco Roberti parlando con i giornalisti a margine di un incontro all'università di Catania del Modulo europeo Jean Monnet su "Nuove competenze per nuove sfide: politiche nazionali ed europee per la lotta alla criminalità organizzata".

"Bisogna quindi abbattere i tempi del sequestro e della confisca - ha aggiunto Roberti - creare l'albo degli amministratori giudiziari per consentire una loro scelta secondo criteri di trasparenza, di rotazione, di 'non cumulo' degli incarichi". "C'è da augurarsi - ha concluso il procuratore nazionale antimafia - che il disegno di legge presentato dal Governo in Parlamento abbia una corsia privilegiata per poterlo quanto prima averlo come legge". Secondo Roberti "in questo momento la 'ndrangheta è l'organizzazione mafiosa più forte nel nostro Paese". "Cosa nostra ha subito colpi durissimi - ha osservato - e la camorra campana altrettanto. Mafia e camorra sono in una posizione di debolezza rispetto al passato. La 'ndrangheta non ancora, anche se si sta facendo molto contro di essa". "In tutti questi anni - ha rilevato il procuratore nazionale antimafia - la 'ndrangheta ha dimostrato una maggiore capacità di diffusione, anche al di fuori dei propri confini, una grande capacità imprenditoriale, superiore alle altre organizzazioni criminali. Ha una capacità di muoversi sia sul piano dell'accumulazione illecita, penso al traffico di stupefacenti - ha concluso Roberti - ma non solo, sia su quello delle infiltrazioni nell'economia legale". (ANSA).

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA