Percorso:ANSA > Legalità > Home

Mafia: beni per 5 mln confiscati a boss Benedetto Capizzi

Beni per un valore complessivo di circa 5 milioni di euro sono stati confiscati al boss mafioso Benedetto Capizzi, di 71 anni. Il provvedimento è stato emesso dalla sezione misure di prevenzione del Tribunale di Palermo. Capizzi è stato arrestato nell'ambito dell'operazione antimafia "Perseo" del 2008 e condannato all'ergastolo.

Minaccia con coltello compagna scuola che non'passa' compiti

Tempestava di messaggi una compagna di scuola per farsi passare i compiti. La ragazza a volte esaudiva le sue richieste, altre volte invece, si rifiutava dicendogli di smettere e che, in caso contrario, ne avrebbe parlato con i professori. Un altro compagno di classe, minorenne e amico del ragazzo, si è intromesso nella vicenda e ha deciso di intervenire.

Bullismo: in scuole Sicilia progetto "Siamo tutti Capitano"

Sviluppare strumenti e competenze per un intervento preventivo del fenomeno del bullismo all'interno del 'gruppo classe'. E' l'obiettivo di "Siamo tutti Capitano", un progetto didattico promosso da Pasta del Capitano, storico marchio della Farmaceutici Dottor Ciccarelli. La quarta edizione si svolge durante l'anno scolastico 2014-2015 coinvolgendo anche bambini e docenti delle scuole siciliane.

Unci: due nuovi alberi in giardino memoria Palermo

Altri due alberi saranno piantati nel Giardino della Memoria di Ciaculli, il sito confiscato alla mafia e gestito dal 2005 da cronisti e magistrati. L'evento oggi alle 10.

Mafia: Dna, Cosa Nostra continua ad essere vitale

L'organizzazione mafiosa Cosa Nostra - nonostante sia stata fortemente colpita da indagini e arresti da parte delle forze dell'ordine - anche nel 2014 ha continuato a dimostrare una "costante vitalità" nelle varie parti del territorio siciliano nelle quali è presente, a cominciare dal Distretto di Palermo. Lo afferma la relazione della Direzione nazionale antimafia presentata oggi dal presidente della Commissione Antimafia Rosy Bindi e dal procuratore Nazionale Antimafia Franco Roberti.

Mafia: nuovo allarme attentati a magistrati Palermo

Nuovo allarme sicurezza al palazzo di giustizia di Palermo. Una lettera anonima avrebbe annunciato la presenza di armi ed esplosivo nei luoghi frequentati abitualmente da alcuni magistrati e subito sono scattate le ricerche.