Percorso:ANSA > Legalità > Home

'Ndrangheta: Dia confisca beni 5 mln, erano di boss deceduto

La Dia di Reggio Calabria ha confiscato beni per 5 milioni di euro che appartenevano a Rocco Antonio Gioffrè, presunto capo dell'omonima cosca di 'ndrangheta di Seminara, morto nell'ospedale di Messina per cause naturali nel 2011, a 75 anni.

Mafia: Maria Falcone, Giovanni esempio di amore per libertà

"Ho inaugurato aule in tutto il mondo intitolate a Giovanni e a Paolo. Farlo rappresenta la voglia di continuare la memoria. Bisogna insegnare a non dimenticare soprattutto quello in cui loro hanno creduto e cioè soprattutto il loro grande senso dello Stato e l'amore per la libertà e la giustizia". Lo ha detto Maria Falcone, presidente della Fondazione Giovanni e Francesca Falcone parlando con i giornalisti a Catania, a margine dell'inaugurazione nella facoltà di Scienze politiche dell''Aula 21 marzo' dedicata a Giovanni Falcone ed alle vittime innocenti di tutte le mafie.

'Ndrangheta: si ribella ad estorsori, sei fermi in Calabria

Si ribella ai suoi estorsori, li denuncia ai carabinieri e li fa fermare. I militari del Reparto operativo del Comando provinciale di Vibo Valentia, nell'ambito di un'operazione denominata "Insomnia", hanno fermato sei persone ritenute contigue, secondo i militari, alle cosche Bellocco, Lo Bianco e Fiarè della 'ndrangheta, accusate di usura ed estorsione, reati aggravati dalle modalità mafiose.

Carceri: giovani detenuti riqualificheranno rione Catania

Diciassette detenuti di età compresa tra i 18 ed i 21 anni del carcere minorile di Bicocca, a Catania, hanno cominciato nell'Ente scuole edile un corso di formazione tecnico-pratico per effettuare interventi di riqualificazione nel quartiere di San Berillo Vecchio. L'iniziativa, resa possibile da un protocollo d'intesa firmato nelle scorse settimane da Comune, Ente scuola edile ed Accademia di Belle arti, rientra nell'ambito di un piano, approvato dal ministero della Giustizia, di reinserimento sociale di giovani che hanno subìto una condanna penale e sono detenuti o in regime di semilibertà.

Antiracket: associazioni incontrano istituzioni all'Ars

"Per la prima volta riuniamo la conferenza regionale dell'Antimafia per fare il punto della situazione. Tanto si è fatto e tanto c'è da fare: ci sono zone come Enna e Caltanissetta dove non c'è alcuna associazione, bisogna sensibilizzare tutti, politica e istituzioni comprese". Così il presidente dell'Antimafia regionale, Nello Musumeci, aprendo, a Palazzo dei Normanni, il tavolo istituzionale tra le associazioni siciliane impegnate nel volontariato antiracket e antiusura.

Scuola: sms anti bullismo e droga, a Palermo parte campagna

Dallo scorso 27 ottobre anche a Palermo è attivo un servizio sms (43002), unica utenza nazionale per studenti, genitori, insegnanti e quanti altri per denunciare episodi di spaccio di droga e di bullismo registrati nelle scuole o nelle immediate vicinanze. Le segnalazioni pervenute, con o senza identificativo del chiamante, verranno trattate con modalità protette, nei limiti della vigente normativa.