Percorso:ANSA > Legalità > Home

Libri: premio Sciascia a Malerba scritto da boss e cronista

E alla fine accompagnato dalle polemiche dei giorni scorsi il premio Racalmare, che fu ideato e sostenuto da Leonardo Sciascia, è stato assegnato ieri sera dalla giuria popolare a Malerba. Il libro scritto da un killer di mafia condannato all'ergastolo, Giuseppe Grassonelli, insieme al giornalista del Tg5 Carmelo Sardo ha ottenuto 13 voti superando "E' così lieve il tuo bacio sulla fronte" di Caterina Chinnici, figlia del giudice Rocco, ucciso da Cosa Nostra e Piccola Atene di Salvatore Falzone

Legalità: ulivi in bene confiscato nel Trapanese

"Al Sud ci sono tante belle persone ma spesso ci sono difetti organizzativi che vanno superati, per questo nella lotta per la legalità è importante che istituzioni, associazioni e mondo del volontariato stiano insieme. Bisogna ancora lavorare tanto, ma insieme si vince". Lo ha detto il prefetto di Trapani Leopoldo Falco intervenendo in un terreno confiscato alla mafia in contrada Canalotto, a Castelvetrano, ripulito da componenti della cooperativa Lombardia nell'ambito del quinto e ultimo campo lavoro organizzato da Libera.

Legalità: premio Pacchero d'argento a Nando Dalla Chiesa

Sono Nando Dalla Chiesa, docente di sociologia della criminalità organizzata e figlio del generale Carlo Alberto Della Chiesa, l'ex sindaco di Rizziconi Antonino Bartuccio, il magistrato Eugenio Facciolla e don Giacomo Panizza, sacerdote, scrittore e fondatore della comunità Progetto Sud, i protagonisti della quinta edizione del Pacchero d'argento, riconoscimento assegnato dal Laboratorio Politico Culturale La Calabria che non c'è sotto gli auspici della presidenza della Commissione regionale contro la 'ndrangheta guidata da Salvatore Magarò, ideatore dell'iniziativa.

Mafia: cittadinanza onoraria Palermo ad operatori "Libera"

Il sindaco di Palermo Leoluca Orlando ha deciso di conferire la cittadinanza onoraria a tutti coloro che, operando con l'associazione 'Libera' di don Ciotti, "vivono l'esperienza di contrasto alla cultura e all'economia della mafia, per l'affermazione dei diritti e della civiltà responsabile".

Detenuto in permesso e a lavoro salva la vita a bagnante

Un detenuto in permesso, al lavoro presso l'azienda dei rifiuti di Massa (Massa Carrara), ha salvato un bagnante. L'episodio è avvenuto prima di Ferragosto.

Mafia: Dia, sfida a magistrati siciliani e Confindustria

Da parte della criminalità organizzata sono stati ravvisati "Profili di rischio elevati" e "un innalzamento del livello di sfida attraverso ripetuti atti intimidatori nei confronti di esponenti della magistratura siciliana e delle istituzioni locali, nonché di rappresentanti di organizzazioni pubbliche e private impegnati, a vario titolo, nella lotta antimafia". Lo ha sottolineato la Direzione investigativa antimafia nella sua relazione al Parlamento.