Arrestati 13 ultras Lazio per scontri

Episodi il 15 maggio scorso, anche responsabili rogo auto vigili

(ANSA) - ROMA, 13 NOV - La Digos di Roma ha eseguito 13 ordinanze di misure cautelari nei confronti di appartenenti al gruppo degli ultras laziali "Irriducibili" per gli scontri avvenuti il 15 maggio scorso durante la finale di Coppa Italia.
    Tra questi ci sono anche i responsabili dell'incendio dell'auto della polizia di Roma Capitale. Le 13 ordinanze sono state emesse dal Gip, Mara Mattioli, su richiesta del pm Eugenio Albamonte. In particolare, Abramo Ettore e Marotta Aniello, entrambi vicini al defunto Fabrizio Piscitelli, con un ruolo di rilievo all'interno del gruppo Ultras degli "irriducibili", sono sottoposti agli arresti domiciliari, mentre altri 11 all'obbligo di presentazione alla Polizia Giudiziaria. Le misure cautelari scaturiscono dai fatti accaduti prima dell'inizio della finale di coppa Italia Lazio-Atalanta quando in piazza di Ponte Milvio, angolo Largo Maresciallo Diaz, una pattuglia dei vigili veniva aggredita, con bottiglie, bombe molotov, fumogeni, sedie di plastica e torce accese, da un gruppo di tifosi laziali.
   

        RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

        Video ANSA


        Vai al Canale: ANSA2030
        Vai alla rubrica: Pianeta Camere
        Muoversi a Roma