Capello, Totti? ha capito suo ruolo

L'addio sorprende, non so perchè club non abbia gestito la cosa

(ANSA) - ROMA, 17 GIU - "Totti ha capito che fare il dirigente è una cosa diversa che giocare": così Fabio Capello, l'allenatore dell'ultimo scudetto giallorosso esattamente 18 anni fa, sulla separazione fra il campione romanista e il suo club. "I tifosi saranno sicuramente con Totti -ha detto Capello a Radio anch'io sport; non so per quale motivo la società non sia riuscita a gestire questa situazione". Capello non entra nel merito del divorzio: "non so quale sarà la verità di Totti, normalmente ce ne sono due, bisognerebbe conoscere anche quella della società". Capello aggiunge che "la squadra ha sempre voluto bene a Totti per ciò che ha fatto e dato per la squadra, ma quando ti viene proposta una cravatta e una scrivania, è un lavoro completamente nuovo. Quando fai parte di una dirigenza incidi un pò meno che in campo, è un lavoro completamente diverso. Ha capito che fare il dirigente è una cosa diversa che giocare. Nelle difficoltà, non riuscendo a essere incisivo come lo era da giocatore, credo preferisca lasciare".
   

      RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

      Video ANSA


      Vai alla rubrica: Pianeta Camere
      Muoversi a Roma