Caldara, sui cori nessun accordo arbitro

Difensore Milan: "C'è chi deve sentirli, non dobbiamo farlo noi"

(ANSA) - MILANO, 26 APR - "Non c'era un accordo con l'arbitro, ci sono delle persone che devono sentire queste cose, non siamo noi a doverlo dire all'arbitro". Lo ha chiarito il difensore del Milan Mattia Caldara, smentendo alcune voci a proposito della semifinale di coppa Italia, segnata da cori e ululati razzisti dei tifosi della Lazio nei confronti di Tiemoué Bakayoko e Franck Kessie. "I cori? Si sentivano quando prendevano palla i nostri compagni, si sentivano i fischi - ha raccontato Caldara a SportMediaset -. Purtroppo fa male al calcio italiano, è brutto.
    Non siamo noi che dobbiamo dirlo all'arbitro, ci sono degli organi preposti per fare queste cose. Purtroppo è successo, ci dispiace".
   

        RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

        Video ANSA


        Muoversi a Roma