Aggressione omofoba al regista Riso

Regista, colpito tre volte: omosessuale, regista, persona

Pugni, calci e insulti omofobi. Sebastiano Riso, regista di 'Una famiglia', è stato aggredito ieri pomeriggio da due uomini nell'androne de palazzo dove abita a Roma in zona Ostiense. Portato al pronto soccorso dell'Ospedale Fatebenefratelli, i medici hanno riscontrato una contusione della parete toracica addominale e un trauma allo zigomo con edema alla cornea con una prognosi 10 giorni.
    Indagini sono in corso per identificare gli aggressori.
    "Sul viso, nello stomaco e all'altezza dello sterno. Ieri sono stato colpito tre volte, e tre volte mi sento attaccato: come omosessuale, come regista e come persona. Come omosessuale perché, mentre mi colpivano, mi rivolgevano insulti omofobi'', dice il regista de La famiglia. ''Come regista e come persona perché quegli insulti facevano riferimento a tematiche affrontate nel mio ultimo film, come la possibilità per le coppie gay di formare una propria famiglia, e perché la violenza è stata esercitata contro la mia inclinazione a esprimere me stesso''.
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Imprese & Mercati

Responsabilità editoriale di Pagine SÌ! S.p.A.
Vai alla rubrica: Pianeta Camere
Muoversi a Roma