• Turista finlandese violentata a Roma: il 22enne resta in carcere

Turista finlandese violentata a Roma: il 22enne resta in carcere

L'uomo si difende davanti al gip, "la ragazza era consenziente"



 Il gip di Roma ha confermato il carcere nei confronti del bengalese che la notte tra venerdì e sabato è stato arrestato con l'accusa di aver violentato una ragazza finlandese. Durante l'interrogatorio di convalida del fermo, il 22enne avrebbe ammesso il rapporto, spiegando però che "lei era consenziente". "Io non ho violentato nessuno", ha detto l'uomo, nei cui confronti si procede per i reati di violenza sessuale e rapina. A inchiodarlo il racconto della vittima e le urla della ragazza ascoltate da una coppia alla finestra che ha poi dato l'allarme. Intanto dal M5S Paola Taverna chiede "più sicurezza e certezza della pena", mentre la Lega accusa il Pd di "pensare ai migranti e la Raggi ai rom". Durante l'interrogatorio di garanzia nel carcere di Regina Coeli, questa mattina il bengalese ha raccontato la sua versione dei fatti di quella notte, ribadendo più volte di non aver violentato quella ragazza. "Lei era consenziente", ha ripetuto al giudice, "non ho violentato nessuno".

Una versione che però non coincide affatto con quanto raccontato dalla 20enne finlandese e dalla testimone oculare che ha lanciato l'allarme alla polizia dopo essere stata attirata alla finestra dalle urla della ragazza. "Ho avuto paura di morire, mi diceva 'se ti muovi ti ammazzo'", il racconto della giovane ai poliziotti dopo la violenza. L'episodio risale alla notte tra venerdì e sabato. La finlandese, a Roma da qualche giorno per lavorare come baby sitter, aveva trascorso la serata insieme con alcune amiche in un locale non molto distante dalla stazione Termini. All'uscita, accompagnata da una sua compagna, aveva provato a cercare un taxi. Proprio in quell'istante il ragazzo bengalese si è offerto di darle un passaggio a casa in auto. Fidandosi dei suoi modi gentili, la giovane ha accettato l'invito tranquillizzando anche la sua amica. Nel tragitto verso la vettura, che il bengalese sosteneva essere parcheggiata in una via limitrofa, il ragazzo ha tentato un approccio sessuale, nonostante la finlandese avesse cominciato a gridare e ad opporsi all'aggressore. A farlo desistere non sono servite neanche le urla di una donna che aveva visto l'aggressione e lo stupro dalla sua finestra. Si era affacciata proprio perché aveva sentito strillare in strada. E' stata poi lei a lanciare l'allarme alla polizia.

Il bengalese l'ha prima minacciata di morte e poi picchiata con una grossa pietra. Infine l'abuso, in strada, dietro ad un autobus a due passi dalla stazione Termini. Prima di darsi alla fuga, l'uomo ha anche sottratto 40 euro dal portafogli della vittima. Le indagini degli agenti della Squadra Mobile e del commissariato Viminale sono partite subito, riuscendo a risalire all'uomo, regolare in Italia con permesso di soggiorno "umanitario", e a fermarlo nella zona di piazza Fiume, non molto distante dal luogo della violenza. "Sarà il caso di ammettere che c'è troppo poco controllo e troppa superficialità quando si rilasciano certi permessi?", la domanda retorica di Daniela Santanchè. "Quanto è buono, comprensivo e accogliente il Governo Pd", il commento invece di Giorgia Meloni.

E, su twitter, la sindaca di Roma, Virginia Raggi, ha scritto: "Vicina alla ragazza finlandese aggredita nei pressi della stazione Termini. Roma non accetta alcun tipo di violenza"

 

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Imprese & Mercati

Responsabilità editoriale di Pagine SÌ! S.p.A.
Vai alla rubrica: Pianeta Camere
Muoversi a Roma