Meno acqua a Roma,autobotti per ospedali

Prelievi illegali Lago Bracciano,sequestrate pompe e 20 indagati

Potrebbe iniziare da lunedì prossimo il piano di riduzione controllata delle pressioni d'acqua in orario notturno a Roma, in 90 zone della città. L'acqua, dalle 23:30 alle 5 potrebbe mancare ai piani altri degli stabili. La decisione è stata presa da Acea alla luce della siccità che ha interessato le fonti di approvvigionamento idrico della Capitale. A tutela soprattutto dell'operatività degli ospedali, Acea sta per mettere precauzionalmente in campo un sistema di autobotti in città. Intanto è in corso il sequestro da parte dei carabinieri di 20 sistemi di captazione di acqua, cioè pompe idrauliche, su terreni privati in prossimità del Lago di Bracciano e la notifica di avvisi di garanzia nei confronti di venti persone per inquinamento ambientale colposo. Il Lago di Bracciano è una delle fonti di approvvigionamento di Roma che ha risentito maggiormente della siccità. Per questo Acea ha ridotto drasticamente i prelievi.
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Vai alla rubrica: Pianeta Camere
ACLI
Muoversi a Roma