Negozianti, sabato molti non aprono

"Negato diritto al lavoro, assurdo blindare centro"

(ANSA) - ROMA, 20 MAR - "Bloccare e blindare il centro storico è assurdo". Così il presidente di Confesercenti Roma, Valter Giammaria, sulle misure di sicurezza che sigillano il centro di Roma in occasione delle manifestazioni in concomitanza con le celebrazioni dei trattati di Roma previste per sabato 25 marzo. "Speriamo che tutto proceda per il meglio - l'augurio del presidente - e che non ci siano ripercussioni. Purtroppo, però, il commercio ne risentirà fortemente, così come avviene per ogni manifestazione o sciopero, con introiti che calano del 70%-80%".
    "Siamo avvelenati, perché il diritto di manifestare non può prevaricare il diritto al lavoro che viene ignorato". Così il presidente della Confcommercio centro di Roma David Sermoneta.
    "Stiamo cercando di capire in queste ore la situazione, per ora la percezione è di grande paura perché, dalle informazioni che abbiamo dai media, il clima sabato sarà abbastanza teso", dice il presidente Federmoda Confcommercio di Roma Massimiliano De Toma.
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Vai alla rubrica: Pianeta Camere
Muoversi a Roma