Muraro: serve discarica ma Malagrotta non riaprirà

"Miope chiuderla",è polemica. Sos raccolta a Coop Mafia Capitale

A quasi due anni dalla maxi inchiesta sul Mondo di Mezzo, a lanciare l'Sos sul fronte dei rifiuti è Paola Muraro, assessore all'Ambiente della giunta Raggi. "Il problema della raccolta - afferma in occasione del Forum CompraVerde - è dovuto a quegli appalti affidati sempre alle solite cooperative, non è cambiato nulla dopo Mafia Capitale. È lì che bisogna intervenire, sui sistemi di raccolta". Parole pesanti che riecheggiano nel Salone delle Fontane dove Muraro interviene insieme ad altre istituzioni e dove sostiene la necessità di un'altra discarica, benché ancora non localizzata, per chiudere il ciclo dei rifiuti. E giudica "miope la chiusura di Malagrotta", attirandosi gli attacchi delle opposizione, salvo poi precisare che non la riaprirà e che andava chiusa nel 2008 Proprio nei giorni in cui si riaffaccia lo spettro del caos immondizia nella capitale, Muraro precisa che non c'è "il rischio di una nuova emergenza. La raccolta è un po' in affanno per le assemblee (sindacali, ndr), un diritto dei lavoratori. Ci sarà stato un rallentamento, però andiamo a verificare", spiega.

Poi ribadisce chiaro e tondo il no ad un nuovo inceneritore e parla della nuova discarica: "Per capire dove deve essere collocata dobbiamo capire la volumetria. Non si può indicare l'area se non si ha la volumetria, non è corretto dal punto di vista tecnico". Insomma, ad oggi, non c'è ancora un sito, ma solo l'attestazione di una necessità. E del perenne affanno nel gestire i rifiuti della Capitale. "Abbiamo un problema di smaltimento e raccolta rifiuti - dice la responsabile dell' Ambiente della giunta Raggi -. Stiamo affrontando le conseguenze di una scelta miope dovuta alla chiusura di Malagrotta". Queste ultime parole le attirano nuove polemiche da parte dell'opposizione. "Miope chiudere Malagrotta? E quindi per l'assessore Muraro dovremmo ancora affidare i rifiuti di Roma alla discarica più grande d'Europa", attacca la deputata dem Stella Bianchi. "Meglio essere miopi che vedere le cose con gli occhiali griffati Cerroni", commenta tagliente il capogruppo della lista civica Zingaretti in Regione, Michele Baldi. E fa sentire la sua voce pure il segretario romano di Sel Paolo Cento secondo cui "chiudere la discarica di Malagrotta è stata una delle poche scelte giuste del passato e sarebbe incomprensibile tornare indietro".

Muraro precisa le sue esternazioni a stretto giro: "Non ho alcuna intenzione di riaprire Malagrotta. Il problema è che l'hanno chiusa senza aver creato un'alternativa. Così nel 2013 ci siamo trovati di fronte a un cambiamento senza che prima si fosse guardato oltre. È oggi il problema è nostro". "Si nomini subito l'amministratore unico di Ama - la esorta duramente la Cgil - e si riaprano le trattative per far ripartire un'azienda paralizzata". "Sul ciclo dei rifiuti l'Assessore Muraro si conferma presidio di continuità pre-Marino", attacca Stefano Fassina consigliere di Sinistra x Roma. L'assessore, il più discusso della giunta Raggi (a causa del suo passato di consulente in Ama e delle indagini della Procura che la riguardano), si definisce "un tecnico prestato non alla politica, ma al M5s, che sono i cittadini di Roma". E' lei che dovrà, sempre che rimanga al suo posto, impostare delle risposte strutturali all'annoso problema dei rifiuti di Roma, che oggi finiscono in gran parte fuori dal territorio cittadino. E' lei che dovrà capire come riorganizzare la munipalizzata dei rifiuti, migliorare la pulizia delle strade e al contempo dotare la città di un'impiantistica moderna. Insomma su di lei si gioca parte importante della sfida a Cinque Stelle nella Capitale.

 

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Lazio Europa
Muoversi a Roma