• Virginia Raggi: 'M5s pronto a cambiare Roma, Mafia Capitale ha prosperato quando non c'eravamo'

Virginia Raggi: 'M5s pronto a cambiare Roma, Mafia Capitale ha prosperato quando non c'eravamo'

Con Cantone troveremo spazi per agire. Accordi per il ballottaggio? Non esistono

"Se i cittadini romani sono stanchi dei servizi che hanno noi siamo pronti a dare un nuovo volto alla città. Se invece ritengono che le amministrazioni precedenti hanno fatto un buon lavoro allora che continuassero a votare i vecchi partiti". E' la promessa della candidata sindaco di Roma del M5s Virginia Raggi, ospite de L'intervista di Maria Latella su SkyTg24.

 

L'INTERVISTA

 

    "Secondo noi i sondaggi non sono del tutto attendibili. Ciò che vediamo ogni giorno per strada è che molti cittadini ci testimoniano il loro appoggio. E questo vale più di mille sondaggi", ha aggiunto parlando dei sondaggi circolati in questi giorni che la vedono in vantaggio rispetto al candidato del Pd Roberto Giachetti.
   

"Come mai - si chiede Raggi - il signor Berlusconi ce l'ha tanto con i magistrati? Tutti stanno iniziando a fare campagna elettorale contro il Movimento 5 Stelle. Nessuno pensa alla città di Roma eppure si candidano a governare questa città". Ieri Berlusconi ha parlato di una "forte infiltrazione di magistrati di sinistra nel Movimento 5 Stelle".
    "Noi programmi da parte degli altri partiti non li abbiamo sentiti - aggiunge Raggi - ma continuiamo a sentire minacce del M5s che può vincere e  questo probabilmente è il loro programma di governo. Se questo è quello che sanno fare credo i romani avranno le idee ancora più chiare in cabina elettorale".
   

Queste le prime cose che Raggi farà da primo cittadino nel campo della legalità:  "Ricominciare a fare gare pubbliche, portare trasparenza nella gestione dei soldi pubblici. Ad oggi i cittadini non sono in grado di sapere come vengono spesi i soldi che l'amministrazione incassa. In questi due anni di opposizione - assicura - abbiamo trovato oltre un miliardo di sprechi di denaro pubblico.   Siamo pronti a recuperare questo tesoretto per destinarlo a servizi. Pensi che cosa potremmo fare se governassimo". 

   Esclusi accordi al ballottaggio. "Non c'è assolutamente nessun accordo. Non li abbiamo mai fatti, fa parte del nostro dna non fare accordi con questi partiti che hanno devastato l'Italia e Roma. Noi andiamo avanti per la nostra strada. Se i cittadini riterranno che il nostro programma è valido e le nostre idee serie allora ci voteranno. Il premier deve sapere - prosegue - che se il sindaco della Capitale sarà del M5s deve a quel sindaco tanto rispetto quanto a Giachetti o qualunque altro sindaco. Anche perché il sindaco amministra nell'interesse di tutti i cittadini e così anche il premier deve fare. Altrimenti si assumerà il rischio dell'eventuale fallimento di Roma". "Del resto Roma l'hanno salvata dal fallimento nel 2008, quando governava Alemanno, l'asse Berlusconi-Tremonti creando la famosa bad company - aggiunge -, l'hanno salvata di nuovo quando c'è stata la vicenda Mafia Capitale quando noi del M5s premevamo affinché Roma fosse sciolta e commissariata per mafia come prevede la legge. Loro pur di non commissariare Roma si sono inventati lo scioglimento di un Municipio, quello di Ostia".

Confermato anche il NO alle  Olimpiadi, che secondo Virginia Raggi "si sono rivelate nel corso degli anni un modo per sperperare i soldi pubblici.     Tantissime altre città del mondo si stanno ritirando come Stoccolma e Oslo. Tutte le statistiche ci dicono che gli Stati si indebitano. Roma ha bisogno di puntare sul quotidiano". 

    "Abbiamo un sistema di trasporto pubblico che è inefficiente e addirittura la scorsa amministrazione ha deciso di tagliare le linee degli autobus - spiega - abbiamo una rete di strade devastata dalle buche, una gestione dei rifiuti fallimentare, le scuole pubbliche che cadono a pezzi. Noi dobbiamo ripartire dal quotidiano".

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Vai alla rubrica: Pianeta Camere
Muoversi a Roma