Autopsia Failla a Tripoli 'macelleria'

Sei fori d'entrata. Colpito a sterno e a zona lombare

(ANSA) - ROMA, 10 MAR - "Le nostre perplessità sull'autopsia eseguita in Libia si sono rivelate fondate. Il prelievo di parte di tessuti corporei ha reso impossibile l'identificazione dell'arma usata, la distanza e le traiettorie. Non è stata un'autopsia (quella in Libia, ndr) è stata una macelleria". E' il commento del legale della famiglia Failla, l'avvocato Francesco Caroleo Grimaldi. Salvatore Failla è morto per colpi che hanno raggiunto lo sterno e la zona lombare. Queste, secondo i consulenti di parte, i medici legali Luisa Regimenti e Orazio Cascio, le cause del decesso. I due esperti nominati dalla famiglia Failla hanno aggiunto che dalla autopsia eseguita oggi sono emersi sei fori d'entrata provocati da arma da fuoco, nessuno di questi alla testa, mentre i colpi arrivati a sterno e zona lombare hanno provocato la rottura dei grossi vasi e del fegato.
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Imprese & Mercati

Antonio Di Giovanni - Di Giovanni Parquet

Dalla Di Giovanni parquet il legno come amico

Il calore per la tua casa, l’eleganza per il tuo ufficio, la praticità per la tua azienda. Da 51 anni con esperienza e competenza nel mondo del parquet.



Responsabilità editoriale di Pagine SÌ! S.p.A.
Vai alla rubrica: Pianeta Camere
Muoversi a Roma