• L'omicidio di Luca Varani, morto dopo massacro di due ore

L'omicidio di Luca Varani, morto dopo massacro di due ore

Era il marzo del 2016. Il racconto di un teste: 'io scampato, rifiutai droga e alcol'

Trenta tra coltellate e martellate hanno straziato il corpo di Luca Varani fino a provocarne la morte per choc da dissanguamento, in una tortura durata circa 2 ore. Il ragazzo non sarebbe morto direttamente per le coltellate al torace: la lama trovata conficcata nel petto di Varani non avrebbe trafitto il cuore, ma sarebbe affondata nel polmone sinistro, secondo i medici legali. Intanto gli investigatori stanno raccogliendo altre testimonianze per delineare meglio il quadro in cui é maturato il delitto.

"Hanno offerto anche a me alcol e cocaina, a quest'ora potevo essere al posto di Luca", dice un testimone confermando che lo scellerato piano di Prato e Foffo era quello di "fare del male" a qualcuno. Le parole del teste, che nella casa dell'orrore c'è stato alcune ore giovedì 3 marzo - il giorno prima del calvario di Varani -, hanno analogie inquietanti con la confessione di Foffo, quando l'universitario ha raccontato agli inquirenti le ultime drammatiche ore del 23/enne. Due ore in cui Varani è stato in balia dei suoi aguzzini dopo aver bevuto un mix di alcol e medicinali. Ore in cui il giovane, come ribadito dal gip nel provvedimento con cui ha confermato il carcere per i due arrestati, Varani ha lottato fino all'ultimo contro la follia omicida e sadica di Foffo e Prato. "Non ho accettato quella bevanda - ha raccontato agli inquirenti il teste, un 34/enne italiano, pugile dilettante - solo perché a me non piacciono i superalcolici e preferisco la birra. E ho rifiutato anche la cocaina". L'uomo fornisce elementi importanti su quale fosse lo stato psicofisico di Foffo e Prato.

"Erano fuori di testa. Mi hanno offerto a più riprese anche cocaina ma ho sempre rifiutato". In base al suo racconto, è stato il padrone di casa ad invitarlo con una telefonata intorno alle 5 del mattino di giovedì scorso. "'Vieni qui', mi hanno detto. Ho preso un taxi e sono arrivato in via Igino Giordani", ha raccontato. I due non erano travestiti da donna, ma il teste ha notato una parrucca rosa in casa che però in quelle ore nessuno ha indossato. "Prima di andare via intorno alle 8,30 - ha concluso davanti ai pm, spiegando di non avere fatto sesso con i due - ho sentito Prato rivolgersi a Foffo e dire 'tanto con lui non dovevamo fare nulla'". Una frase che, alla luce del terribile omicidio, ora suona macabra: forse il pugile era stato scelto come potenziale vittima ma non essendo caduto nella trappola è stato lasciato andare. Dopo di lui presumibilmente è arrivata la telefonata a Varani e la terribile trappola fino all'efferato omicidio.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Imprese & Mercati

Alternatyva

AlternatYva, con internet gratuito le scuole viaggiano veloci

Con il progetto Torrino-Mezzocammino e “Internet nelle scuole” di AlternatYva, provider di servizi wireless, il primo istituto scolastico del quartiere Torrino Mezzocammino di Roma usufruirà gratuitamente della banda larga.


Responsabilità editoriale di Pagine SÌ! S.p.A.
Vai alla rubrica: Pianeta Camere
Muoversi a Roma