Vigili assenti: primo rinvio giudizio

Agente accusato di falso,contraffatto documento donazione sangue

(ANSA) - ROMA, 15 FEB - Rinviato a giudizio uno dei 60 vigili urbani di Roma che si assentarono dal lavoro la notte del 31 dicembre del 2014. Si tratta del primo processo a carico dei 'pizzardoni' coinvolti nel caso di una "malattia di massa" di decine di vigili urbani nella notte di Capodanno a Roma. Lo ha deciso il gup di Massimo Battistini nei confronti del vigile, la cui posizione è stata stralciata dalle altre, accusato di falso e violazione dell'articolo 55 del nuovo codice disciplinare del pubblico impiego, la cosìdetta riforma Brunetta.
    In base a quanto ricostruito dal pm Nicola Maiorano, l'uomo in occasione della festività avrebbe deciso di non prestare servizio per donare il sangue ma, non essendo idoneo al prelievo, avrebbe finito per presentare un falso documento che attestava l'impegno per la donazione. Nella vicenda oltre agli agenti di polizia municipale sono coinvolti una sessantina di medici di base accusati di falso per aver giustificato le assenze dei vigili con certificati medici ritenuti sospetti.
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Imprese & Mercati

Federica Proni

Massaggi e benessere: scopriamo "Nelle mie mani"

Questo centro di terapia olistica si è affermato nel cuore (e nei muscoli) dei romani.


Responsabilità editoriale di Pagine SÌ! S.p.A.
Vai alla rubrica: Pianeta Camere
Muoversi a Roma