Roma: Bertolaso accetta sfida, si candida

'Per amore di Roma, per la sua storia, per i romani'

"Le priorità di Roma sono quelle sotto gli occhi di tutti: sicurezza, viabilità, pulizia, decoro, accoglienza e edilizia per persone meno abbienti. Il problema è avere un piano realistico per affrontare questi problemi e per cambiare presto la situazione di degrado in cui versa Roma. Si può fare un lavoro straordinario, se si hanno le competenze per farlo, se si è imparato dal passato. Ed io in questi anni credo di avere accumulato un bel po' di esperienza". Così all'ANSA Guido Bertolaso, candidato sindaco per il centrodestra. L'ex capo della Protezione civile ha accettato la proposta di candidarsi per il comune di Roma sostenuta da Berlusconi, Meloni e Salvini.

Vicende giudiziarie? Già tante archiviazioni  - "Ci sono state tante archiviazioni in questi ultimi sei anni su argomenti connessi alle note vicende. Ci sono ancora degli sciacalli all'opera per calunniare la gente. Al momento in corso ci sono due processi. Quello sul G8 va avanti da 6 anni e non si è ancora concluso, certo non si concluderà prima delle elezioni comunali. Purtroppo per me, perché dovrei essere tra coloro che si direbbero soddisfatti dalle eventuali sentenze, anche perché è già emersa la mia totale estraneità in tanti casi". Così Guido Bertolaso candidato del centrodestra al Campidoglio interpellato dall'ANSA sulle sue vicende giudiziarie. "In passato, per due volte io ho chiesto il rito abbreviato e per due volte mi è stato negato perché l'obiettivo evidentemente era prendere una persona per bene e tenerla nel frigo più a lungo possibile. Oggi il tribunale che mi sta giudicando è composto da magistrati seri, ma il lavoro da fare è tanto. Per me scatterà la prescrizione per il G8 probabilmente in estate, come per l'Aquila, ma come è noto io vi rinuncerò", conclude.

Giachetti-Morassut? Vedere se sanno governare - "Non sono avversari per me, sono concorrenti ed io non ho intenzione di fare guerra a nessuno. Vedo in Giachetti e Morassut persone preparate e per bene. Sarà da vedere se sono in grado di governare e affrontare problemi complessi come quelli di una città come Roma. Decideranno i romani". Così all'ANSA il candidato al Campidoglio per il centrodestra Guido Bertolaso interpellato sui due maggiori sfidanti messi in campo dal Pd. "Primarie? Questo dovete chiederlo a partiti politici, io non appartengo a nessuno schieramento. Tre leader politici mi hanno chiesto di candidarmi. Se non hanno ritenuto di farle avranno le loro buone ragioni". Così Guido Bertolaso, candidato del centrodestra per il Campidoglio risponde a chi gli chiedeva se fosse disposto a fare le primarie ad esempio con Francesco Storace e Alfio Marchini

   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Imprese & Mercati

null

Taxi: innovatori da oltre 20 anni. Samarcanda Radiotaxi (Roma) “Dal ’92 tecnologia e qualità Made in italy”

Un settore, quello taxi, in continua evoluzione. Il Made in Italy, anche in questo comparto ha perseguito sempre alti standard di innovazione, le istituzioni stanno a guardare, senza però osservare


Responsabilità editoriale di Pagine SÌ! S.p.A.
Vai alla rubrica: Pianeta Camere
Muoversi a Roma