Ucciso in bar: ridotta pena a pentito

Rideterminata condanna,in primo grado ebbe 16 anni, oggi 10 anni

(ANSA) - ROMA, 28 GEN -E' stata rideterminata in appello la condanna a Giuseppe Pandolfo, il collaboratore di giustizia sotto processo perché ritenuto l'autore materiale dell'omicidio di Serafino Cordaro, il barista ucciso a Roma nel marzo 2013.
    Dieci anni di reclusione gli sono stati inflitti dalla I Corte d'assise d'appello, 6 anni in meno rispetto alla condanna del gup nel gennaio dello scorso anno. Per Pandolfo è stato confermato il riconoscimento della diminuente prevista per i collaboratori di giustizia, con la concessione delle attenuanti generiche.
    Era il 30 marzo 2013 quando ci fu l'agguato a Cordaro che lavorava in un bar nel quartiere Casilino. Fu raggiunto da 3 colpi di pistola alla testa e al torace, esplosi da un uomo che si curò di far uscire gli avventori prima di sparare. Il barista morì il giorno dopo. Per questo stesso fatto è attualmente in corso, davanti alla Corte d'assise, un secondo processo che vede come imputato Stefano Crescenzi che, secondo quanto detto da Paddolfo, gli avrebbe commissionato l'omicidio.
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Imprese & Mercati

Antonio Di Giovanni - Di Giovanni Parquet

Dalla Di Giovanni parquet il legno come amico

Il calore per la tua casa, l’eleganza per il tuo ufficio, la praticità per la tua azienda. Da 51 anni con esperienza e competenza nel mondo del parquet.



Responsabilità editoriale di Pagine SÌ! S.p.A.
Vai alla rubrica: Pianeta Camere
Muoversi a Roma