Scontro metro, 5 anni a macchinista

Assolti tre ex dirigenti della Metropolitana

(ANSA) - ROMA, 27 GEN - Per l'incidente della metropolitana di Roma che il 17 ottobre del 2006, all'altezza della fermata Vittorio Emanuele, causo' la morte di un donna e il ferimento di 452 persone, la prima sezione del tribunale di Roma ha condannato oggi il macchinista Angelo Tomei a cinque anni di reclusione. Omicidio colposo, disastro ferroviario e lesioni gravissime i reati contestati. Assolti, per non aver commesso il fatto, tre dirigenti, all'epoca dei fatti, della Metropolitana: Gennaro Antonio Maranzano, responsabile dell'area esercizio e produzione, Roberto Gasbarra, responsabile del coordinamento del movimento metropolitane, e Ernesto De Santis, capo servizio Metro A.
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Imprese & Mercati

null

Allart Center: la fiera permanente dei serramenti

Porte, finestre, infissi, elementi di arredo su misura, interni ed esterni: lo showroom di Roma è un’esposizione work in progress dei migliori brand


null

Alternatyva compie 10 anni e scommette sulla fibra ottica

L'azienda romana prepara offerte convergenti fisso-mobile Marco Carboni (CEO) “AlternatYva sta investendo in fibra ottica: non abbiamo aspettato Telecom Italia 10 anni fa e non aspetteremo Enel adesso”.


Responsabilità editoriale di Pagine SÌ! S.p.A.
Vai alla rubrica: Pianeta Camere
Muoversi a Roma