Crollo Roma: inquilini scortati in casa

Una di loro, pensavo pompieri morissero causa mia

(ANSA) - ROMA, 23 GEN - Dopo le verifiche effettuate stamattina dai vigili del fuoco, alcuni inquilini dello stabile interessato dal crollo di ieri a Roma stanno entrando nei propri appartamenti per prendere alcuni effetti personali. Muniti di borse e sacche hanno indossato i caschi di protezione e, accompagnati dai vigili del fuoco sono entrati nell'edificio.
    Intanto un'inquilina del quarto piano, la signora Fusco, tra le lacrime racconta: "Ho pensato che quei vigili del fuoco così gentili sarebbero morti per colpa mia. Mi hanno buttato giù dal letto e ospitata, in vestaglia, dentro una macchina dei pompieri. Ho chiesto loro di prendere le medicine di mio marito e li ho visti entrare nel palazzo. Poi un fortissimo boato e ho pensato che sarebbero morti per colpa mia, mi sentivo responsabile. Ho avuto tanta paura ma poi, dopo una nube di polvere, li ho visti uscire con le medicine sani e salvi. E' stato un miracolo".
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Imprese & Mercati

Alternatyva

AlternatYva, con internet gratuito le scuole viaggiano veloci

Con il progetto Torrino-Mezzocammino e “Internet nelle scuole” di AlternatYva, provider di servizi wireless, il primo istituto scolastico del quartiere Torrino Mezzocammino di Roma usufruirà gratuitamente della banda larga.


Responsabilità editoriale di Pagine SÌ! S.p.A.
Vai alla rubrica: Pianeta Camere
Muoversi a Roma