Uccise e murò ex, 25 anni in appello

Confermata condanna omicidio volontario e occultamento cadavere

(ANSA) - ROMA, 21 GEN - Condanna confermata in appello per Tonino Cianfarani, l'imbianchino sotto processo perché accusato di avere ucciso e poi murato nella cantina della sua abitazione di Fontechiari (Frosinone) l'ex convivente Samantha Fava.
    Venticinque anni di reclusione sono stati inflitti all'uomo dalla I Corte d'assise d'appello di Roma; i giudici hanno confermato nella sua interezza la sentenza emessa dalla Corte d'assise di Cassino nel novembre 2014. Omicidio volontario e occultamento di cadavere (questa seconda imputazione formulata derubricando già in primo grado quella iniziale di distruzione di cadavere) erano le accuse contestate.
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Imprese & Mercati

Maurizio Serra Udito Farm

Udito Farm, ecco i migliori apparecchi acustici per vincere la sordità

Prevenire e scegliere dispositivi personalizzati: queste le chiavi per proteggere le nostre orecchie. A Roma un team di specialisti - coordinati dall'esperto audioprotesista Maurizio Serra - vi accompagnerà passo dopo passo.


Taffo Onoranze Funebri

«I funerali non sono tutti uguali», parola di Taffo

Una serie di servizi esclusivi: dalla consulenza legale, alla rateizzazione del rito funebre. A Roma, da Taffo, il cliente viene accolto con grande sensibilità. L'ultima frontiera del funeral service? La diamantificazione delle ceneri.


Responsabilità editoriale di Pagine SÌ! S.p.A.
Vai alla rubrica: Pianeta Camere
Muoversi a Roma