Uccise e murò ex, 25 anni in appello

Confermata condanna omicidio volontario e occultamento cadavere

(ANSA) - ROMA, 21 GEN - Condanna confermata in appello per Tonino Cianfarani, l'imbianchino sotto processo perché accusato di avere ucciso e poi murato nella cantina della sua abitazione di Fontechiari (Frosinone) l'ex convivente Samantha Fava.
    Venticinque anni di reclusione sono stati inflitti all'uomo dalla I Corte d'assise d'appello di Roma; i giudici hanno confermato nella sua interezza la sentenza emessa dalla Corte d'assise di Cassino nel novembre 2014. Omicidio volontario e occultamento di cadavere (questa seconda imputazione formulata derubricando già in primo grado quella iniziale di distruzione di cadavere) erano le accuse contestate.
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Imprese & Mercati

null

Taxi: innovatori da oltre 20 anni. Samarcanda Radiotaxi (Roma) “Dal ’92 tecnologia e qualità Made in italy”

Un settore, quello taxi, in continua evoluzione. Il Made in Italy, anche in questo comparto ha perseguito sempre alti standard di innovazione, le istituzioni stanno a guardare, senza però osservare


Responsabilità editoriale di Pagine SÌ! S.p.A.
Vai alla rubrica: Pianeta Camere
Muoversi a Roma