Mafia Capitale, Ozzimo condannato

Due anni e due mesi a ex assessore comunale Pd, è tornato libero il 24 dicembre

 L'ex assessore del Comune di Roma Daniele Ozzimo è stato condannato dal gup a due anni e due mesi nell'ambito del processo a Mafia Capitale. Ozzimo è accusato di corruzione per atti contrari ai doveri di ufficio. Ozzimo, giudicato col rito abbreviato, è tornato libero il 24 dicembre scorso. L'istanza di scarcerazione fu presentata dopo che era caduta l'accusa di corruzione per asservimento della funzione: ad un riascolto in aula Salvatore Buzzi intercettato diceva Ozzimo non prende soldi".

L'ex assessore comunale di Roma, dopo la decisione del gup ha annunciato ricorso. "Me lo aspettavo - ha detto - perché si sa come vanno a finire queste cose in questo Paese. Siamo pronti a presentare ricorso in Appello".

"E' stata accolta in toto la tesi della procura ma rimaniamo perplessi davanti alla difficoltà di motivare una sentenza di condanna". Lo ha afferma l'avvocato Luca Petrucci, difensore dell'ex assessore Daniele Ozzimo, condannato a 2 anni e due mesi in uno dei filoni del processo a Mafia Capitale. "Una volta in cui la procura riconosce, chiedendo l'assoluzione, che non vi è nessun asservimento della funzione, Ozzimo viene condannato - spiega Petrucci - per aver preso 20 mila euro in campagna elettorale regolarmente registrati, e perché ha chiesto a Buzzi di far lavorare una povera diavola, per altro licenziata 4 mesi dopo, a 300 euro al mese. Credo che sia un monito per la politica italiana e credo che nessun politico ne possa uscire vivo".
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Imprese & Mercati

Antonio Di Giovanni - Di Giovanni Parquet

Dalla Di Giovanni parquet il legno come amico

Il calore per la tua casa, l’eleganza per il tuo ufficio, la praticità per la tua azienda. Da 51 anni con esperienza e competenza nel mondo del parquet.



Responsabilità editoriale di Pagine SÌ! S.p.A.
Vai alla rubrica: Pianeta Camere
Muoversi a Roma