• Caso Cucchi, Renzi 'Stato responsabile'. Grasso, la morte di Stefano non sia vana

Caso Cucchi, Renzi 'Stato responsabile'. Grasso, la morte di Stefano non sia vana

Il presidente del Senato: "Stato civile deve rispettare diritti dei più deboli"

"Bisogna far sì che la morte di Stefano non sia stata vana e costruire una società che rispetti diritti dei più deboli: ciò deve fare uno Stato che si definisce civile". Lo ha detto il presidente del Senato Pietro Grasso dopo avere incontrato la famiglia Cucchi.

 "In questi giorni ci sono dei segnali importanti e di svolta ma per cinque anni io e la mia famiglia siamo stati presi in giro", ha detto Ilaria Cucchi a margine dell'incontro con il presidente del Senato Pietro Grasso. "Oggi - ha aggiunto - la seconda carica dello Stato ha detto che è inaccettabile ciò che è accaduto. Noi continuiamo a credere nella giustizia. Sia chiaro che io non voglio che sia trovato un capro espiatorio, ma la verità".

"Se c'è qualcuno che sa, parli e spezzi la catena", ha detto Ilaria Cucchi. "Come ci è stato chiesto dal procuratore capo di Roma Pignatone - ha aggiunto - porteremo elementi nuovi e di verità. Mi auguro che sulla morte di Stefano finalmente si faccia giustizia".

Tesauro, giustizia lenta, ma risultato ci sarà - ''Sono cose talmente delicate, tristi. Certo c'è un problema, ma insomma lasciamo fare alla giustizia, che è lenta, molto lenta, ma alla fine un risultato lo si ottiene''. Così il presidente della Consulta Giuseppe Tesauro sul caso Cucchi, a margine dell'inaugurazione dell'Anno accademico dell'Università di Macerata.

Ilaria Cucchi: esposto contro Albarello,falsità in perizia - "Sto andando in Procura per presentare un esposto contro il professor Paolo Albarello per avere commesso falsità in una perizia". Così Ilaria Cucchi a margine dell'incontro con il presidente del Senato Pietro Grasso. Paolo Albarello fu consulente dell'accusa nel processo di primo grado: sua la perizia che attribuì le responsabilità della morte ai medici del Pertini, che poi furono condannati. La perizia sancì che Stefano morì in ospedale per fame e sete. Già all'epoca del primo processo Ilaria Cucchi lamentò il fatto che, dichiarò, "il professor Albarello aveva detto intervistato da Canale 5 che il suo compito sarebbe stato quello di dimostrare la totale responsabilita' dei medici, e questo ancor prima di iniziare le operazioni peritali''.

Renzi: "Lo Stato è chiaramente responsabile perché quel ragazzo è morto quando era nelle mani dello Stato. Ma sono il capo del potere esecutivo e non commento le sentenze. La partita non è chiusa, i giudici valuteranno". "Così il presidente del consiglio Matteo Renzi commenta in un'intervista a Ballarò su Raitre la sentenza d'appello per la morte di Stefano Cucchi, morto a Roma il 22 ottobre 2009 dopo sei giorni di detenzione, sentenza che ha assolto tutti gli imputati di questa drammatica vicenda "Trovo alcune frasi di alcuni sindacati di polizia assolutamente inaccettabili - ha proseguito il premier- come le ho trovate inaccettabili contro la madre di Federico Aldrovandi o dette durante un congresso". 

Manconi, da alcuni poliziotti parole oltraggiose - "I sindacati di polizia e i poliziotti non sono tutti come quelli che si sono espressi in questi giorni con parole efferate e oltraggiose". Lo ha detto Luigi Manconi, presidente della commissione per la Tutela e la Promozione dei Diritti Umani.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Vai alla rubrica: Pianeta Camere
Muoversi a Roma