Dal Veneto portale per 100 successi

Confindustria rilancia, un 'manager 4.0' per aziende e roadshow

Redazione ANSA VENEZIA
(ANSA) - VENEZIA, 26 LUG - Confindustria Veneto rilancia il progetto Industria 4.0 con un sito che raccoglie le 100 migliori storie di successo nelle proprie imprese regionali e un roadshow da settembre con 'porte aperte' per illustrare le esperienze-pilota che hanno effettuato quello che viene definito come cambio di paradigma. Sono finora 17 le imprese le cui storie di successo 4.0 sono raccontate sul sito 100luoghi.industria40veneto.it, che le geolocalizza in base alla tecnologia e al settore di appartenenza. Dopo la fase di start-up sarà possibile per tutte le aziende candidarsi a trovare posto all'interno della mappa interattiva. L'accreditamento avverrà sulla base di criteri di ammissione elaborati insieme a Fondazione Univeneto. Il roadshow, sempre destinato agli imprenditori associati, prevede la visita delle singole aziende e la presentazione e sperimentazione dei risultati dell'applicazione 4.0 sviluppata. L'agenda veneta di Industria 4.0 è stata avviata costituendo un tavolo con tutte le Associazioni Territoriali. Dai dati raccolti, a fronte di numerosi e ingenti investimenti in nuovi macchinari grazie al super e iper ammortamento e alla nuova Sabatini, c'è ancora in azienda una scarsa alfabetizzazione digitale. In base a un'indagine di Confindustria tra le aziende che hanno investito in macchinari 4.0, il Veneto è la seconda regione in Italia, dopo la Lombardia. "La trasformazione digitale è una sfida complessa - ha affermato il presidente degli Industriali veneti, Matteo Zoppas - che richiede un grande impegno per le imprese in termini di progettazione e realizzazione degli investimenti e di acquisizione delle competenze. Grazie alla partnership tra Confindustria e Federmanager ci sarà la possibilità di avere di un 'manager 4.0' a disposizione dei nostri associati per sostenere la crescita dei dirigenti e delle imprese con l'obiettivo di contribuire a generare uno sviluppo sostenibile e duraturo". Gianni Potti, Delegato di Confindustria Veneto alle Politiche per l'Innovazione, Ricerca e Industria 4.0, ha ricordato che "si è esaurita la spinta propulsiva degli incentivi promossi della politica industriale per il 4.0. A mio avviso questa è un'opportunità, non un problema: gli incentivi non durano all'infinito, devono servire solo come stimolo iniziale al mercato". (ANSA).
RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Leggi anche: