Eni, 4.0 è una sfida per energia pulita

Robot, IoT e cloud porteranno a un incremento domanda energia

Redazione ANSA MILANO

(ANSA) - MILANO, 28 SET - Produrre petrolio e gas il più puliti possibili, con l'obiettivo di ridurre l'impatto delle emissioni di carbonio del 43% entro il 2025; sostituire il carbone con il gas; incrementare l'attività di ricerca sulle rinnovabili. Sono le tre leve della strategia futura di Eni (Eni) focalizzata sull'innovazione e sulle nuove tecnologie.

Se oggi si abbandonasse il carbone in favore del gas "si otterrebbe immediatamente una riduzione del 15% delle emissioni di carbonio nell'aria", spiega Francesco Gattei, executive vice president scenarios strategic options&Investor reltions di Eni, intervenendo al SingularityU Summit, a Rho-Fiera. La sfida del mondo energetico è di garantire costantemente una maggiore quantità di energia,ßanche alla luce dell'avvento di "robot, internet of things, cloud che porteranno ad un incremento della necessità di energia", afferma Gattei, sottolineando l'importanza di un mix energetico in favore della sostenibilità ambientale.ß "Le rinnovabili hanno sicuramente tanti lati positivi dal punto di vista ambientale, ma hanno il limite dell'intermittenza e della densità - spiega -. Per renderle più efficienti e competitive bisogna puntare su ricerca e tecnologia". Intanto il gas farà da ponte in questa trasformazione energetica che "richiederà decenni", perché "per avere un cambiamento radicale, bisogna trasformare tutta la filiera".

Al Summit organizzato dalla Singularity University, la comunità globale di innovazione della Silicon Valley, Eni fa toccare con mano le sue tecnologie innviative con tre modelli esperienziali, che vanno dalla trasformazione dei rifiuti urbani in biocarburante, al progetto di sperimentale di edificio autosufficiente dl punto di vista energetico, fino al progetto 'Extir Galileo',ßnuova frontiera in materia di isolamento termico delle abitazioni. C'è poi l'Eni Data Lab, che mostra un'esperienza basata sui Big Data.(ANSA).

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA