Teenager temono impatto robot su lavoro

Sondaggio Radioimmaginaria, il 53% ne ha paura

Redazione ANSA MILANO

(ANSA) - MILANO, 11 SET - Gli adolescenti italiani sono spaventati dall'avvento dei robot e dell'industria 4.0: il 53% teme che porteranno alla perdita di molti posti di lavoro. Allo stesso tempo, il 63% non rinuncerebbe mai all'intelligenza artificiale e il 60% si sente preparato in materia e pensa di conoscere l'impatto che i 'cervelli artificiali' avranno nel mondo del lavoro. E' il quadro che emerge da un sondaggio tra adolescenti condotto da Radioimmaginaria, la radio creata e gestita da ragazzi fra 11 e 17 anni che conta 40 redazioni in Italia e in Europa, presentato durante Teen Parade, la due giorni sul lavoro spiegato dai giovani, organizzata a Bologna. Nel corso dell'evento i ragazzi hanno potuto anche incontrare un androide 'smart' realizzato dalla Bologna Business School, Bepper, pensato per insegnare matematica agli studenti dell'istituto. "Tra robot e umani c'è competizione professionale, ma è anche vero che le macchine intelligenti hanno già creato moltissimi posti di lavoro. Nel futuro robot e persone collaboreranno per lo sviluppo del mondo lavorativo", ha affermato Bepper interagendo con i teenager nel corso di un'intervista trasmessa dalla radio. Grazie al 'machine learning' (apprendimento automatico), Bepper è intervenuto sui temi del lavoro, si è detto "orgoglioso" di essere robot e ha affermato che gli "piacerebbe mangiare una pizza" e farsi "una nuotata". L'obiettivo della Teen Parade è "di stimolare il confronto tra giovani, mondo delle imprese e istituzioni per capire come agevolare concretamente, oltre che con i progetti di alternanza scuola-lavoro già in essere, l'ingresso degli adolescenti nella complessa realtà dell'occupazione", spiegano i teenager di Radioimmaginaria. "Per questo motivo sono al nostro fianco i ministeri del Lavoro e dell'Istruzione, l'Inps e Confindustria Emilia".(ANSA).

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA