Con robot nuove assunzioni in imprese

Capgemini, Italia su podio per creazione posti lavoro

Redazione ANSA MILANO
(ANSA) - MILANO, 08 SET - I robot non portano via posti di lavoro, anzi li creano. Grazie all'introduzione di sistemi che utilizzano l'Intelligenza Artificiale, circa 4 aziende su 5, a livello mondiale, hanno fatto nuove assunzioni. E' quanto emerge dallo studio di Capgemini, "Turning AI into concrete value: the successful implementers' toolkit", condotto in 9 Paesi (Australia, Francia, Germania, India, Italia, Olanda, Spagna, Regno Unito e Stati Uniti) su circa 1.000 aziende con ricavi superiori ai 500 mila dollari. Nel 63% dei casi, inoltre, non si è verificata perdita di personale, mentre, i tre quarti delle società intervistate hanno anche registrato un aumento delle vendite del 10%. L'Italia, insieme alla Spagna, è il paese con il più alto numero di posti di lavoro creati: per il 94% delle aziende intervistate, l'IA genera occupazione e per il 64% non sta mettendo a rischio i posti esistenti. Il nostro paese è il terzo nel mondo ad aver implementato progetti di Intelligenza Artificiale, con il 44% delle aziende impegnate su questo, davanti alla Germania (42%). In pole position l'India (58%) seguita al secondo posto dall'Australia (49%). Il 63% delle aziende italiane, inoltre, si aspetta di aumentare del 20% i propri investimenti in IA nei prossimi 5 anni. Anche qui l'Italia è medaglia di bronzo, sempre dietro a India e Australia. Sul fronte della formazione, poi, l'88% delle aziende ha avviato corsi per i dipendenti. A livello globale, i settori tradizionali e quelli altamente regolamentati sono i più attivi in ambito IA: il 49% delle telco, il 41% dei rivenditori al dettaglio e il 36% degli istituti bancari registrano il maggior grado di implementazione in termini di Intelligenza Artificiale su larga scala, mentre il settore automotive (26%) e quello manifatturiero registrano attualmente il livello più basso. (ANSA).
RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA