Cna, fondi interprofessionali a rischio

Ma hanno ruolo chiave per evitare impatti negativi su lavoro

Redazione ANSA ROMA
(ANSA) - ROMA, 02 AGO - "I fondi interprofessionali per la formazione continua hanno avuto un ruolo molto importante, e ancor di più potranno averlo in futuro, per evitare impatti negativi sul mercato del lavoro della quarta rivoluzione industriale". Lo ha affermato il responsabile dipartimento Relazioni sindacali Cna e presidente di Fondartigianato, Stefano Di Niola, conversando con l'ANSA a margine di un'audizione alla commissione Lavoro del Senato. "Eppure - ha aggiunto - hanno subito provvedimenti che rischiano di comprometterne non solo lo sviluppo ma perfino l'esistenza". "Stanno creando problemi - ha osservato Di Niola - il taglio dei contributi, ridotti allo 0,24% della retribuzione imponibile previdenziale dall'originario 0,3%, e la mobilità tra Fondi. Questo strumento conduce a meccanismi concorrenziali inappropriati e genera, in taluni casi, un antagonismo sleale. Pur mantenendo volontaria l'adesione, quindi, proponiamo di collegarla, per le singole imprese, - ha concluso Di Niola - ai contratti di lavoro applicati".(ANSA).
RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA