Boo Weekley e la lotta al cancro, è stata la mia vittoria più bella

L'americano racconta la malattia: "Ce l'ho fatta, ora sogno PGA Tour"

Redazione ANSA ROMA

(ANSA) - ROMA, 19 FEB - Thomas Brent Weekley ha vinto tre tornei del PGA Tour e una Ryder Cup (2008), ma il suo successo più bello non è stato sul green. E lo statunitense lo racconta solo ora, a distanza di oltre un anno da una sfida, quella con il cancro, che l'ha visto uscire ancora una volta vincitore. "E' stata dura - le rivelazioni del player americano - ma ce l'ho fatta. Adesso il sogno è quello di tornare a giocare presto sul PGA Tour". Fuori dall'élite mondiale del golf nel 2017 per via di una forte tendinite, Weekley è stato sottoposto a un intervento chirurgico. Da quell'infortunio i medici hanno scoperto però che dietro ai malanni fisici c'era molto di più. Prima le cure e poi il ritorno sul green nel Web.com Tour, dopo diciotto mesi d'inattività. Soprannominato "Boo Boo Bear", il quarantacinquenne di Milton (Florida) ha voglia di tornare a stupire in campo. Dove è diventato celebre non solo per il successo (4-2) nel singolo in Ryder Cup 2008 (Kentucky, Stati Uniti) contro Oliver Wilson. Ma anche per aver girato, nella stessa occasione, in sella al suo cavallo con un cappello da cowboy.
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA
TI POTREBBERO INTERESSARE ANCHE: