Hero World Challenge, Woods insegue nuova impresa

Alle Bahamas antipasto Presidents Cup nel torneo di Tiger

Redazione ANSA ROMA

(ANSA) - ROMA, 03 DIC - Dopo il successo show in Giappone nello Zozo Championship, che gli ha permesso di eguagliare il record di 82 vittorie in carriera sul PGA Tour di Sam Snead (insuperato dal 1965), Tiger Woods torna in campo nel "suo" torneo, l'Hero World Challenge. Alle Bahamas (4-7 dicembre), nell'evento non ufficiale del massimo circuito americano, organizzato dalla Fondazione del campione Usa, prove di Presidents Cup per gli Stati Uniti.
    A New Providence su 18 giocatori in campo 11 saranno tra i protagonisti della super-sfida biennale che, la prossima settimana a Melbourne (12-15 dicembre) vedrà sfidarsi la compagine a stelle e strisce di Woods (capitano e giocatore) e il Team Internazionale (player europei esclusi) di Ernie Els.
    Da Justin Thomas (che alle Bahamas giocherà i primi due round proprio al fianco del californiano) a Matt Kuchar, da Xander Schauffele a Webb Simpson, da Gary Woodland a Tony Finau. Senza dimenticare Patrick Cantlay, Bryson DeChambeau, Patrick Reed e Rickie Fowler. Unico assente, tra le fila Usa, Dustin Johnson (che sta recuperando da un infortunio al ginocchio ma sarà regolarmente sul green in Australia), sostituito da Chez Reavie.
    Woods in carriera ha conquistato l'Hero World Challenge già 5 volte (su 20 edizioni giocate) e ora punta a un nuovo exploit. "Big Cat" s'è presentato vincendo l'Hero Shot a Baha Mar (Nassau), evento-esibizione che ha visto Woods superare nel finale Jordan Spieth.
    La kermesse vedrà tra i protagonisti pure altri americani come Bubba Watson, Kevin Kisner e Spieth. Oltre a big internazionali del calibro di Justin Rose ed Henrik Stenson, rispettivamente campione e vicecampione olimpico a Rio de Janeiro 2016. E ancora: Jon Rahm, vincitore della Race to Dubai 2019 e nuovo re europeo.
    Il torneo metterà in palio anche un montepremi da 3.500.000 dollari e si giocherà dal mercoledì al sabato (anziché dal giovedì alla domenica) per permettere ai player americani di affrontare poi il lungo viaggio in Australia in vista della Presidents Cup. (ANSA).
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA