I grandi di 'ieri' tornano a sfidarsi

Sul green anche Lehman, Woosnam e McGinley, assente Rocca

Redazione ANSA ROMA

Sfida all'ultimo putt. I grandi del recente passato torneranno a sfidarsi nell'ultimo evento stagionale del Senior Tour Europeo, l'MCB Tour, che si concluderà alle Mauritius (8-10 dicembre). In campo, tra gli altri, anche i campionissimi Tom Lehman e Ian Woosnam, capitani rivali nella Ryder Cup del 2006 vinta dal Team Europe in Irlanda. Il primo, statunitense di Austin, in carriera ha vinto 22 tornei professionistici. Il secondo, gallese, ha contribuito insieme a Seve Ballesteros, Nick Faldo, Bernhard Langer e Sandy Lyle a rendere competitiva e vincente l'Europa in Ryder Cup. Partecipando per otto edizioni consecutive (dal 1983 al 1997) alle "Olimpiadi" del golf. All'appello mancherà invece Costantino Rocca. La leggenda del golf italiano, che vanta 5 successi nell'European Tour, dopo aver partecipato ad ottobre al Farmfoods European Senior Master di Coventry, in Inghilterra, non sarà ai nastri (in questo caso al "tee") di partenza. Al contrario di Paul Noel McGinley, golfista irlandese passato alla storia anche per il leggendario putt alla buca 18 - in una partita incredibile contro lo statunitense Jim Furyk - che ha permesso all'Europa di trionfare alla Ryder Cup del 2002 giocata in Inghilterra. A difendere il titolo conquistato nel 2016, il britannico Barry Lane. Che dovrà fare i conti anche con il connazionale Peter Baker, già vice-capitano del Team Europe nella Ryder del 2006. Un field di alto livello, dunque. Sul green tanti campioni di ieri che non hanno perso la voglia di vincere e divertirsi. Alle Mauritius un'occasione per giocare e, perché no, ripetere i duelli del passato. Tra rivincite e nuove sfide.
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA