Papa: lunedì esce esortazione su santità

Gaudete et Exsultate, su chiamata a essere santi nel mondo d'oggi

E' il quarto, grande documento del pontificato di Francesco, escludendo l'enciclica 'Lumen Fidei' del 29 giugno 2013, composta per la quasi totalità dal predecessore Benedetto XVI e di fatto solo completata e firmata da Bergoglio. Ed è dedicato a un tema ricorrente nella predicazione del Pontefice: l'essere santi oggi. Sarà pubblicata lunedì prossimo, 9 aprile, la nuova esortazione apostolica di papa Francesco, dal titolo "'Gaudete et Exsultate', sulla chiamata alla santità nel mondo contemporaneo".

Il nuovo testo papale sarà presentato ai cronisti alle 12.15 presso la Sala stampa vaticana, in una conferenza stampa cui interverrà tra gli altri - ed è una prima volta - l'arcivescovo Angelo De Donatis, vicario del Papa per la Diocesi di Roma. Sull'uscita del documento, che segue le altre due esortazioni apostoliche "Evangelii Gaudium" (24 novembre 2013) sull'annuncio del Vangelo nel mondo attuale, e "Amoris Laetitia" (19 marzo 2016), frutto dei due Sinodi sulla famiglia, e l'altra enciclica "Laudato si'" (24 maggio 2015) sulla cura del creato, sono trapelate indiscrezioni nelle scorse settimane.

Ma in particolare il primo a parlarne era stato, il 28 febbraio scorso a margine della presentazione di un libro a Roma, il cardinale honduregno Oscar Rodriguez Maradiaga, tra i principali collaboratori di Francesco come coordinatore del 'C9', il consiglio di cardinali che lavora alla riforma della Curia romana. "Ho sentito appena appena una voce lontana che dice che il Papa sta preparando un bel documento sulla santità. Siamo tutti chiamati alla santità, se non ascoltiamo questa chiamata la riforma non va", aveva rivelato il porporato latino-americano rispondendo a una domanda sulle riforme del Pontefice.

Il tema di 'Gaudete et Exsultate' è molto caro a Francesco, che spesso ha parlato, nelle omelie, nelle catechesi, e più complessivamente nel suo magistero, della chiamata per tutti i battezzati all'essere santi, dando testimonianza della fede cristiana e della gioia evangelica nella quotidianità. Sarà importante vedere dal nuovo documento, che arriva dopo che Bergoglio ha appena superato la boa del quinto anno di pontificato, quali saranno gli esempi, concreti e pratici, che il Papa porterà sulle possibili manifestazioni di santità nella vita di ogni giorno, sia per i consacrati che per i laici. E di sicuro non mancheranno spunti e indicazioni morali riguardanti la vita pubblica, di interesse per tutti, credenti e non, quindi per l'ambito ecclesiale e non solo.

Da notare anche, una volta di più, come i documenti del Papa argentino manifestino nel titolo come un vero leit-motiv l'elemento della gioia, di chiara matrice evangelica: dopo la 'Evangelii gaudium' (La gioia del Vangelo), la 'Laudato sì', la 'Amoris laetitia' (La gioia della famiglia), è ora la volta di questa 'Gioite ed esultate'. E si sa che Francesco non vuole cristiani "dalle facce tristi".

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA