Sorella padre Hamel, 'non dimenticare'

Settimana Santa dedicata alle persone uccise per la fede

(ANSA) - ROMA, 27 MAR - "Il martirio di mio fratello rappresenta, ancor più nella Settimana Santa, un messaggio per tutti, credenti e non, un messaggio di speranza che testimonia la forza della fede e al tempo stesso la speranza". Così dichiara ad Aiuto alla Chiesa che Soffre Roseline Hamel, sorella di padre Jacques, il sacerdote 86enne ucciso da estremisti islamici il 26 luglio 2016 a Saint-Etienne-du-Rouvray in Francia. Durante la Settimana Santa sono diversi gli eventi e le veglie di preghiera in tutto il mondo dedicate ai martiri. "A tutti i martiri va reso omaggio, ma quanti sono stati uccisi in odio alla fede, meritano ancor più il nostro rispetto. In loro vi è infatti qualcosa di sacro impossibile da ignorare, anche per chi non crede", sottolinea ancora la sorella di padre Hamel. "Provo una certa inquietudine a sapere che parte della nuova generazione non conosce l'esempio dei nostri martiri. Sono ragazzi fragili e confusi dalla società del consumismo che possono facilmente essere corrotti", conclude.(ANSA).
RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA
TI POTREBBERO INTERESSARE ANCHE: