Papa: violenza su stranieri,morte carità

"Così quella su bambini non ancora nati e anziani malati"

(ANSA) - CITTA' DEL VATICANO, 6 FEB - "Ciò che spegne la carità è anzitutto l'avidità per il denaro", e "ad essa segue il rifiuto di Dio". Lo dice Papa Francesco nel suo messaggio per la Quaresima 2018. "Tutto ciò - sottolinea il pontefice - si tramuta in violenza che si volge contro coloro che sono ritenuti una minaccia alle nostre 'certezze': il bambino non ancora nato, l'anziano malato, l'ospite di passaggio, lo straniero, ma anche il prossimo che non corrisponde alle nostre attese". "Anche il creato è testimone silenzioso di questo raffreddamento della carità", dice ancora il Papa nel Messaggio per la Quaresima: "la terra è avvelenata da rifiuti gettati per incuria e interesse; i mari, anch'essi inquinati, devono purtroppo ricoprire i resti di tanti naufraghi delle migrazioni forzate; i cieli - che nel disegno di Dio cantano la sua gloria - sono solcati da macchine che fanno piovere strumenti di morte".
RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA
TI POTREBBERO INTERESSARE ANCHE: