Bassetti, credevo sepolti discorsi razza

Cei, Chiesa non è un partito, non fa accordi, dialoga con tutti

(ANSA) - ROMA, 22 GEN - "Bisogna reagire a una cultura della paura che, seppur in taluni casi comprensibile, non può mai tramutarsi in xenofobia o addirittura evocare discorsi sulla razza che pensavamo fossero sepolti definitivamente. Non è chiudendo che si migliora la situazione del Paese". Lo ha detto nella Prolusione al Consiglio Cei il presidente, card. Gualtiero Bassetti, riferendosi alle dichiarazioni sui migranti del candidato Lega per la Lombardia, Attilio Fontana. Bassetti ha anche parlato delle elezioni: "La Chiesa non è un partito e non stringe accordi con alcun soggetto politico". "Come ha detto Papa Francesco 'dialogare non è negoziare'. Negoziare, infatti, consiste soltanto nel cercare di ricavare la propria 'fetta' della torta comune. Ma non è questo, ovviamente, ciò che intendiamo. Dialogare significa, invece, cercare il bene comune per tutti". Poi ha invitato a "sfiducia e disaffezione per partecipare alle urne con senso di responsabilità".
RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA