DIRETTA GIOCHI OLIMPICI

Nazione

Stati Uniti

46 37 38

Regno Unito

27 23 17

Cina

26 18 26
Nazione

Russia

19 18 19

Germania

17 10 15

Giappone

12 8 21
Nazione

Francia

10 18 14

Rep. di Corea

9 3 9

Italia

8 12 8
Nazione

Australia

8 11 10

Paesi Bassi

8 7 4

Ungheria

8 3 4
Nazione

Brasile

7 6 6

Spagna

7 4 6

Kenya

6 6 1

Tris d'oro, Bolt si prende pantheon dello sport

Tris d'oro nei 100, e non si ferma qui

Redazione ANSA RIO DE JANEIRO

"Altre due medaglie d'oro e divento immortale": e' notte di festa per Usain Bolt a Rio, dopo il terzo successo olimpico nei 100 metri. Tutto lo stadio Engenhao è impazzito per il giamaicano - la sua gara e il suo giro di pista - e perfino la mamma abbracciata sugli spalti è poi stata omaggiata da una passerella di applausi all'uscita dall'impianto. Intanto il velocista giamaicano guardava avanti, alla gara dei 200 e della 4x100. "Qualcuno ha detto che posso diventare immortale: io dico si', altri due ori e ci metto la firma. Immortale", la sua promessa. Bolt si e' detto meravigliato per i fischi a Gatlin ("mai vista una cosa del genere") e ha ammesso che la sua è stata "una gara non troppo veloce, ma quel che contava oggi era tagliare primo il traguardo. E' tutto l'anno che sono inseguito da chi dubita di me, ma io sapevo di stare bene".

Più di una leggenda, una divinità scesa dall'Olimpo dello sport in terra carioca: Bolt vince la gara più attesa di ogni Olimpiade, la finale dei 100 metri, per la terza volta consecutiva, impresa finora mai riuscita ad altri e che lo proietta nella galleria degli immortali dello sport. E' un 9"80 poi corretto in 9"81, in 42 passi, che cancella le velleità di Justin Gatlin, costretto ad accontentarsi dell'argento.

Quello del Lampo è uno sprint irresistibile: Bolt parte male, ai primi 50 metri è quinto ma poi rimonta e si lascia tutti dietro. Cosi' la folla dell'Engenhao per una volta pieno impazzisce e grida a pieni polmoni il nome del suo campione: "Bolt! Bolt! Bolt!" è l'unica cosa che si sente, mentre lui festeggia gridando e mandando baci a un gruppo di connazionali con i quali si fa anche i selfie, poi passeggiando tenendo in mani un peluche della mascotte Vinicius, infine togliendosi le scarpe. Ma non le tira al pubblico, le tiene per conservarle "perchè queste sono le mie ultime gare alle Olimpiadi".

Bolt è talmente totalizzante che il suo terzo oro olimpico nei 100 cancella imprese in altre circostanze memorabili come quella del sudafricano Van Niekerk, che vince i 400 stabilendo il nuovo record mondiale e cancellando quello vecchio di 17 anni di Michael Johnson. Ma tutto questo, pur fantastico, si scioglie di fronte a quell'immenso fuoriclasse che da bambino cominciò a correre quasi per scherzo, per arrivare per primo quando la madre lo chiamava per la merenda. Ora è per sempre l'icona della Giamaica, ("Quest'oro è per te, popolo mio: stand up, alzati" urla alla maniera di Bob Marley subito dopo aver vinto. E prima di prendersi una volta per tutte il pantheon dell'atletica.


RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA