Berlino, la prima mostra dedicata alla cultura LGBT nei videogiochi

Berlino, la prima mostra dedicata alla cultura LGBT nei videogiochi

Lo Schwules Museum di Berlino ha inaugurato Rainbow Arcade, una mostra dedicata ai videogiochi a tematica gay, lesbo, trans, bisessuale e queer. Attraverso un percorso suddiviso nei colori della bandiera arcobaleno, la mostra ripercorre la storia della cultura e dei personaggi LGBTQ nei videogiochi, come ad esempio Strutzi della serie Super Mario, orgogliosamente transessuale. Ci sono anche molti titoli giocabili come Caper in the Castro, titolo del 1989 nel quale si impersona il ruolo della detective lesbica Tracker McDyke nel celebre quartiere di San Francisco.

Tra i curatori della mostra, che sarà al museo fino a maggio, c’è Adrienne Shaw, docente e specializzata in studi sulla cultura queer e fondatrice dell’LGBTQ Game Archive.

Post correlati