Nexon è in vendita, svolta improvvisa per la più grande azienda di videogiochi in Corea

Nexon è in vendita, svolta improvvisa per la più grande azienda di videogiochi in Corea

Kim Jung-ju ha fondato la Nexon (TYO: 3659) nel 1994, e da allora l’azienda (oggi controllata dalla holding NXC, sempre di proprietà di Jung-ju) è diventato un gigante dell’economia sudcoreana e giapponese. Nel 2011 l’azienda è stata quotata in Borsa e ha guadagnato 1.2 miliardi di dollari, un record. Oggi, improvvisamente, Kim Jung-ju ha annunciato di volersi disfare della sua quota, il 98.64 per cento delle azioni che possiede, ovvero il 64.49 per cento della intera holding. Sua moglie e presidente Yoo Jung-hyun possiede il 29.43 per cento.

La notizia non arriva del tutto inattesa: Jung-ju aveva già dichiarato che non avrebbe lasciato Nexon ai suoi figli, in quanto stanco delle continue beghe legali dovute alle accuse di corruzione che lo hanno portato in tribunale, dove è stato assolto. NXC si è detta consapevole della decisione e pronta, nei prossimi giorni, a rilasciare un comunicato ufficiale. Nel frattempo, il nome più sussurrato per l’acquisto è quello cinese di Tencent (HKG: 0700), a oggi la compagnia più profittevole dell’intera Asia.

Post correlati