Vampyr per PS4, Xbox One e PC, la recensione

Vampyr per PS4, Xbox One e PC, la recensione

Con Vampyr il team francese di Dontnod prova ad evolversi, tenendo a mente quanto imparato dall’adventure ad alto budget e relativo insuccesso commerciale Remember Me, e soprattutto dal loro best seller Life is Strange. Con questo gioco, messa da parte la struttura a episodi, il team ha fuso la meccanica a scelte che influenza pesantemente la progressione di gioco con una struttura da gioco di ruolo, nella quale è necessario tenere conto delle abilità del protagonista, farle evolvere, completare i dialoghi con gli NPC e accumulare punti esperienza. Il livello di difficoltà ha a che vedere direttamente con lo stile di gioco: più sarete silenziosi e meno ucciderete nemici, più la progressione sarà complessa.

Dal punto di vista narrativo e delle ambientazioni, Vampyr è molto suggestivo: ambientato nella Londra del 1918, devastata dalla guerra e dall’influenza, il gioco ci mette nei panni del Dottor Reid, che si risveglia vampiro ma non rinuncia (almeno nelle intenzioni) alla sua umanità pur avendo sete di sangue. Chi ama il filone vampiresco à la Bram Stoker non potrà non restare affascinato da un gioco con un’ottima trama che si dispiega per quasi 30 ore di gioco.

Purtroppo, la difficoltà generale è mal bilanciata nonostante prometta di adattarsi al giocatore, mentre alcuni nemici riescono a farci fuori con un solo colpo mandandoci al tappeto troppo facilmente. Se le atmosfere sono al top e la complessità di gioco è sufficiente per attrarre gli appassionati del genere, c’è da aggiungere anche che il gioco è tecnicamente al livello di un titolo medio della scorsa generazione: comprensibile per via del budget ridotto, un po’ meno alla luce del fatto che il titolo venga venduto a prezzo pieno.

Editore: Focus Home Interactive
Sviluppatore: Dontnod Entertainment
Piattaforme: PS4 (versione testata), Xbox One, PC
Prezzo: 50 euro (PC), 60 euro (PS4, Xbox One)

7

PRO

  • Ottima atmosfera
  • Sistema di gioco articolato
  • Trama appassionante
  • Ottima colonna sonora

CONTRO

  • Tecnicamente incerto
  • A tratti monotono
  • Sistema di combattimento sbilanciato

Post correlati