Super Mario Party per Nintendo Switch, la recensione

Super Mario Party per Nintendo Switch, la recensione

L’undicesimo party di Nintendo con tutti i personaggi della saga di Mario arriva su Switch con l’intento di puntare alla quantità: in questo episodio ci sono infatti moltissimi nuovi minigiochi, ma anche modalità inedite che prevedono ad esempio la cooperazione nel proseguire lungo un percorso. Molto interessante anche la possibilità di unire due o più console in una specie di puzzle tra schermi, anche se ognuno dovrà avere la propria copia del gioco.

Per il resto, Super Mario Party offre tutto quello che abbiamo visto negli episodi precedenti: enormi tabelloni che accolgono fino a quattro giocatori, che devono tirare i dadi e vincere nei minigiochi che concludono ogni turno. Questi ultimi sfruttano spesso il sensore di movimento e la vibrazione del Joy-Con: si gioca esclusivamente con uno solo dei due controller di Switch. Naturalmente, è un gioco per molti da evitare in singolo: questo, oltre alla natura intrinseca del titolo, è causato anche dalla debole modalità online.

Editore: Nintendo
Sviluppatore: Nintendo, NDcube
Piattaforme: Switch
Prezzo: 60 euro

8

PRO

  • Moltissimi minigiochi
  • Divertentissimo in due o più
  • Modalità inedite

CONTRO

  • Online poco sviluppato
  • La grafica è sottotono

Post correlati