Pro Evolution Soccer 2018 per PC e console, la recensione

Pro Evolution Soccer 2018 per PC e console, la recensione

Per molti anni incontrastato re nel suo settore, PES torna anche quest’anno cercando di riprendere una corona che gli è stata portata via a suon di alcune licenze ufficiali (che ancora qui mancano ancora, anche se la situazione è migliorata) e di spettacolarità grafica. Va detto che anche nella sua edizione 2018, molto curata, PES resta quello che è: il gioco di calcio più genuinamente divertente sul mercato, senza una mole soverchiante di paranoie simulative ma sempre perfetto per una partita veloce da soli o con gli amici.

Chi vuole complessità non sarà scontento: il multiplayer online è complesso, offre molte funzionalità e funziona ancora meglio della concorrenza, ci sono tutte le licenze UEFA e AFC, c’è una buona modalità carriera e soprattutto il gioco si prende poco sul serio introducendo ospiti inattesi come Usain Bolt tra le fila dei giocatori, ancora un po’ goffi e inespressivi a dirla tutta, mentre inseguono una palla che non sempre replica perfettamente su schermo le leggi della fisica. Segnaliamo infine il gradito miglioramento nella gestione delle strategie, che possono essere selezionate ancora più facilmente con maggiore efficacia anche per i giocatori meno esperti.

Editore: Konami
Sviluppatore: Konami
Piattaforme: PS4 (versione testata), Xbox One, Windows, Xbox 360, PS3
Prezzo: 69,99€ (PS4, Xbox One), 59,99€ (PC), 49,99€ (Xbox 360, PS3)

8.5

Giudizio

Mancano molte licenze ufficiali (Juventus e Real Madrid su tutte), la fisica è ancora imperfetta, il Fox Engine si comporta bene ma non nega alcuni cali di framerate. Eppure, PES è sempre incredibilmente divertente, facile da giocare e veloce sia online che offline. Gli update costanti che Konami vorrà inserire nel gioco sino al prossimo appuntamento annuale lasciano via libera all'acquisto per tutti gli appassionati di questa gloriosa serie.

Post correlati