FIFA 19, la recensione

FIFA 19, la recensione

Se FIFA era già potente, l’asso calato quest’anno da EA Sports è di quelli ai quali non si può dire di no: la UEFA Champions League è integrata nel gioco, sin dall’inizio. E infatti costituisce il perno intorno al quale si sviluppa anche l’ottima modalità Storia, Il viaggio, che ora ruota intorno a tre protagonisti: Alex al Real Madrid, la sorella Kim nella nazionale USA, e Danny nella lega inglese. Si può scegliere se interpretare un singolo personaggio, sia in campo che fuori, o lasciare che le tre storie si intreccino e seguirle tutte.

Ciò che è apprezzabile di FIFA, quest’anno, è lo sforzo genuino di aggiungere varietà al menu, portando il gioco ad eccellere in ognuna delle sue tre anime: quella da party game perfetto con gli amici, quella delle strategie online, e quella della completezza, campo nel quale il titolo EA non ha rivali. I cambiamenti più o meno profondi affidati al pacchetto online, ad esempio, sono più che azzeccati: il giocatore ha più margine di scelta sui potenziamenti e il bilanciamento con le abilità degli avversari è curato meglio. Per quanto riguarda l’offline, la possibilità di aggiungere le regole più disparate ai singoli match aggiunge spessore alle partite con gli amici.

FIFA 19 è sempre FIFA. E nonostante sia ormai possibile fare qualsiasi cosa nel gioco quando si ottiene la palla (e non solo, perché il comparto manageriale è ottimo nonostante qualche sbavatura), riesce a conservare comunque quello spirito arcade che lo rende non solo accessibile, ma a conti fatti il più completo della sua generazione.

Editore: Electronic Arts
Sviluppatore: Electronic Arts
Piattaforme: PS4 (versione testata), Xbox One, PC
Prezzo: 70 euro (PS4, Xbox One), 60 euro (PC), disponibile anche su Nintendo Switch

9

PRO

  • Aggiunta di moltissimi contenuti, soprattutto la Champions League
  • Ottima modalità storia
  • Commento in italiano più che convincente
  • Online bilanciato

CONTRO

  • Moltissimi caricamenti
  • Le modifiche al menu alzano la curva d'apprendimento
  • Avremmo voluto una versione Switch con le stesse modalità

Post correlati