Detective Pikachu per Nintendo 3DS, la recensione

Detective Pikachu per Nintendo 3DS, la recensione

In vista di un film live action hollywoodiano che vedrà la luce nel 2019, questo gioco segna il debutto ufficiale di Detective Pikachu, nuova incarnazione del Pokémon più famoso di tutti i tempi. Il topo elettrico investigatore può parlare la lingua degli umani, ma solamente il suo amico Tim riesce a capirlo. Tra l’altro, la voce dell’animaletto è quella di Danny De Vito, creando un effetto davvero esilarante. Tim e Pikachu dovranno risolvere diversi misteri e scoprire che fine abbia fatto il padre del ragazzo. Il sistema di gioco è molto semplice: si parla con le persone (e i Pokémon) per raccogliere indizi, si esplorano i dintorni e si prosegue secondo la deduzione che se ne è tratta. I puzzle logici e ambientali sono estremamente semplici e accessibili, e il gioco non offre più di questo dal punto di vista del gameplay, per circa cinque o sei ore di gioco.

D’altro canto, è impossibile non riconoscere che l’atmosfera, le battute, l’umorismo e la personalità di questo nuovo Pikachu siano il punto focale del titolo, godibile allo stesso tempo da giocatori molto giovani e anche da quelli più smaliziati che vogliono semplicemente rilassarsi. Privo dell’effetto 3D su qualsiasi versione di 3DS, il gioco è comunque gradevole da vedere, sebbene i protagonisti umani siano caratterizzati molto peggio dei Pokémon. Il gioco ha anche un Amiibo dedicato, che sblocca soltanto una manciata di brevi filmati animati.

Editore: Nintendo, The Pokémon Company
Sviluppatore: Creatures
Piattaforme: 3DS
Prezzo: 40 euro

7

PRO

  • Il Pikachu detective è irresistibile
  • Molto rilassante

CONTRO

  • Gameplay monotono
  • Molto, molto semplice

Post correlati