In viaggio fra bonsai in Abbazia Rosazzo

40 "esemplari d'autore", corsi, dimostrazioni e visite guidate

(ANSA) - TRIESTE, 3 MAR - Un viaggio affascinante nel mondo, nell'arte e nella cultura dei bonsai, con oltre una quarantina di "esemplari d'autore", provenienti da Italia, Svizzera, Slovenia e Austria, nello scenario della millenaria Abbazia di Rosazzo, a Manzano (Udine): è quello che si potrà vivere per due giorni, sabato 4 e domenica 5 marzo, nello storico complesso friulano con incontri, racconti, dimostrazioni e consigli dal mondo di queste piccole opere d'arte viventi, che dall'Estremo Oriente si sono diffuse in tutti i Continenti.
    Il maestro bonsai Paolo Morbiato racconterà i suoi incontri con i grandi maestri giapponesi di bonsai (dal giapponese "albero coltivato in vaso") e le sue visite ai grandi giardini nipponici. Si potrà inoltre partecipare a dimostrazioni tecniche di bonsai con Enzo Ferrari, istruttore della Scuola d'Arte Bonsai; a un corso di Sumi-e, la pittura ad acquerello tradizionale giapponese; e a conferenze sull'arte Suiseki ("pietra lavorata dall'acqua"). Sono inoltre in programma visite guidate dell'Abbazia di Rosazzo, con degustazione di vini di Livio Felluga.
    Le iniziative sono promosse dal Gruppo Bonsai Arte nel Tempo e Namazu Bonsai Lab, con la collaborazione della Fondazione Abbazia di Rosazzo per la IV Mostra Internazionale di Bonsai e Suiseki "Fiori d'inverno" e la XXVI mostra di Coordinamento Triveneto. (ANSA).
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Imprese & Mercati

Claudio Berlingerio - Ad Maiores

Così "Ad Maiores" rivoluziona il mondo delle case di riposo a Trieste

Claudio Berlingerio e Tiziana Kert, titolari di una moderna Residenza per anziani ci raccontano le ultime frontiere normative.


Idrotermozeta

Tecnologia e risparmio energetico: segni distintivi degli impianti Idrotermozeta

L'azienda di Trieste, leader nella progettazione di impianti di riscaldamento e condizionamento, si racconta nelle parole di Paolo Zacchigna e Federico Cok: «Il nostro sguardo è proiettato al futuro»


Responsabilità editoriale di Pagine SÌ! S.p.A.
Nuova Europa