Calcio: Udinese, Tudor "squalifica ingiusta, volevo esserci"

'Non aveva detto nulla all'arbitro. Ds è stato chiaro sul caso'

(ANSA) - UDINE, 19 OTT - "Ci tenevo a essere in panchina. Sono rimasto male. Dispiace ma va accettato anche se è ingiusto, sperando non accada di nuovo in futuro". Lo ha detto il tecnico dell'Udinese, Igor Tudor, alla vigilia della gara con il Torino che non lo vedrà in panchina a causa della squalifica subita. "Il ds Marino è stato abbastanza chiaro sulla questione, ha già detto tutto ieri - ha aggiunto Tudor dopo il mancato accoglimento del ricorso dell'Udinese che il dirigente ha accolto con indignazione, sottolineando che si erano usati "due pesi e due misure" -. Un allenatore deve essere con la squadra".
    Tornando sull'episodio di Firenze costatogli una giornata di squalifica, Tudor ribadisce il suo rammarico per non essere in panchina e spiega: "la situazione era che 5' prima il quarto arbitro mi ha detto di stare un po' più calmo, altrimenti la prossima volta mi avrebbe ammonito. Invece è arrivato il rosso".
   

        RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

        Video ANSA


        Vai alla rubrica: Pianeta Camere
        Nuova Europa