Ius soli: Giovani musulmani, fede è diversa dalla società

Vicepresidente durante convegno a Lignano

(ANSA) - TRIESTE, 05 GEN - "Vogliamo far capire ai ragazzi che si può essere parte della società" anche senza cittadinanza, "che si può essere musulmani e italiani allo stesso tempo e soprattutto che una cosa è la fede e un'altra la società in cui si vive". Così il vice presidente dell'associazione Giovani musulmani d'Italia (Gmi), Osama El Harifi, in occasione del XVI convegno sul tema "Vita al di là dello schermo", in programma fino a domani a Lignano Sabbiadoro (Udine).
    400 i ragazzi che partecipano all'iniziativa, tutti dai 14 anni in su e provenienti da diverse regioni del Paese. Tra i temi in calendario lo Ius soli, hate speech, fake news, fino alle istruzioni per un uso corretto dei social network. "Il 90% degli iscritti all'associazione - afferma El Harifi - è nato e cresciuto in Italia. In molti non hanno raggiunto ancora la maggiore età e al momento non hanno la possibilità di chiedere la cittadinanza italiana. Si può essere parte di una comunità a prescindere dalla cittadinanza". (ANSA).
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Video ANSA


Vai alla rubrica: Pianeta Camere
Nuova Europa